Home Attualità “Piccoli gesti, grandi crimini”, la campagna 2022 di Marevivo registra una riduzione...

“Piccoli gesti, grandi crimini”, la campagna 2022 di Marevivo registra una riduzione media del 44% di littering nell’ambiente

Piccoli gesti, grandi crimini, la campagna 2022 di Marevivo registra una riduzione media del 44% di littering nell'ambiente

L’iniziativa, ha fatto tappa quest’anno a Trieste, Pescara, Salerno, Viareggio e Pordenone per sensibilizzare cittadini e Amministrazioni locali sul littering, ovvero l’abbandono di mozziconi e piccoli rifiuti nell’ambiente.

In tutto il mondo, ogni anno, 4,5 trilioni di mozziconi di sigaretta non vengono smaltiti correttamente, generando circa 770 milioni di chili di rifiuti tossici. Solo in Italia ne vengono dispersi nell’ambiente circa 14 miliardi. Secondo l’UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente), i mozziconi rappresentano il 40% dei rifiuti complessivi presenti nel Mediterraneo, ma non sono gli unici rinvenuti in spiagge, città o nei boschi.

Accanto a questi sono spesso presenti altri rifiuti di piccole dimensioni come bottiglie, lattine, carte e piccoli imballaggi, il cui abbandono è definito con il termine inglese “littering”, che porta gravi conseguenze per l’ambiente sotto il profilo dell’inquinamento, con ricadute negative non solo dal punto di vista sociale, ma anche dei costi dei servizi di igiene urbana.

La campagna “Piccoli gesti, grandi crimini”, realizzata per il terzo anno consecutivo da Marevivo, in collaborazione con BAT Italia e con il Patrocinio del Ministero della Transizione Ecologica, nasce proprio per contrastare questo fenomeno, che origina da un gesto spesso considerato “piccolo” da chi lo compie – abbandonare un mozzicone o un piccolo rifiuto nell’ambiente – perché non ha contezza dei grandi danniche può provocare alla flora e alla fauna terrestre e marina.

Per la sua 3^ edizione la campagna ha coinvolto Trieste, Pescara, Salerno, Viareggio e Pordenone**, e ha previsto oltre ad attività di informazione e sensibilizzazione dei cittadini anche un monitoraggio satellitare utile non solo a misurare l’efficacia di queste attività ma anche a fornire alle Amministrazioni locali dati utili per gestire in modo più efficiente il fenomeno del littering. A questo si è aggiunta anche un’indagine sulla sensibilità ambientale dei cittadini, sulla percezione dello stato di pulizia delle loro città e sulle principali cause del littering.

Per informare e sensibilizzare le persone, nelle principali piazze delle località coinvolte è stata realizzata un’installazionedi grande impatto: una «scena del crimine» in cui, accanto alle sagome delle vittime raffiguranti tartarughe, pesci o altri animali marini è stata posta la riproduzione gigante di un mozzicone, di un tappo di alluminio e di una bottiglietta di plastica come simboliche “armi del delitto”.

I volontari di Marevivo hanno inoltre distribuito oltre 50.000 portamozziconi tascabili in plastica riciclata nei luoghi più frequentati delle città. Inoltre, per potenziare l’attività di sensibilizzazione e misurare l’efficacia dello strumento, nell’edizione di quest’anno è stata effettuata un’ulteriore distribuzione all’interno e in prossimità delle tabaccherie.

I risultati di “Piccoli gesti, grandi crimini” di Marevivo

La campagna ha registrato -51% di littering a Trieste, -41%* a Salerno, -31%* a Pescara e -53%* a Viareggio. Poiché in 3 (Salerno, Pescara e Viareggio) delle 4 città essa si è svolta in concomitanza di grandi eventi musicali e flussi turistici “intermittenti”, il sistema di intelligenza artificiale sviluppato da JustonEarth è stato in grado di elaborare una stima di tipo previsionale che restituisce il risultato al netto degli eventi straordinari e dei flussi turistici “di giornata” che si sono manifestati nei giorni della rilevazione satellitare.

Attraverso il monitoraggio satellitare di JustonEarth la campagna ha osservato, misurato, raccolto ed elaborato i dati relativi al fenomeno del littering prima, durante e dopo le attività di informazione e sensibilizzazione, suddividendo il territorio urbano di ciascuna delle città in tre fasce di rischio (“alto”, “medio” e “basso”), incrociando i dati sul littering, le caratteristiche urbanistiche e la tipologia di attività presenti in ciascuna di esse.

“Siamo giunti al terzo anno della campagna nazionale ‘Piccoli gesti, grandi crimini’, felici di confermare un risultato decisamente significativo relativo alla riduzione del littering nelle città italiane coinvolte. Marevivo, forte della sua esperienza soprattutto nell’ambito delle attività di sensibilizzazione, ha tra i suoi obiettivi la necessità lavorare sulla percezione collettiva del problema. Ci auguriamo di poter continuare a parlare ai cittadini, trasmettendo il rispetto e la cura per l’ambiente in cui viviamo. L’augurio è di poterlo fare ancora con il lavoro sinergico di Istituzioni, Imprese e Terzo settore” ha dichiarato Raffaella Giugni, Responsabile Relazioni Istituzionali Marevivo.

Per i risultati completi della campagna, clicca qui

*Dati calcolati su base predittiva al netto di variabili esterne durante il periodo di monitoraggio (afflusso di turisti, transito di forestieri in partenza via nave, realizzazione di eventi musicali all’aperto tipici della stagione estiva).
** Il Comune di Pordenone ha partecipato alla campagna con una versione “light”, che non ha previsto il monitoraggio satellitare e demoscopico.

Articolo precedenteRoma, “Balyayoga per bambini”, cinque lezioni gratuite di yoga promosse dalla Regione Lazio
Articolo successivoPremio Nobel per la Pace: premiati Ales Bialiatski e le ong Memorial e Center for Civil Liberties