piante cresciute su suolo lunare

Sono cresciute in un laboratorio dell’Università della Florida sul suolo formato da campioni di suolo lunare prelevato dagli astronauti durante le missioni Apollo 11, 12 e 17

Coltivare piante al di fuori dei confini della Terra è condizione necessaria per ampliare gli orizzonti spaziali degli esseri umani e continuare il viaggio verso l’esplorazione del cosmo.

Per questo molti scienziati si stanno adoperando per capire come fare per far germogliare piante in ambienti diversi da quello terrestre. Un team di ricercatori dell’Università della Florida ci è riuscito.

L’equipe di scienziati, infatti, è riuscita a far germogliare alcuni semi di Arabidopsis thaliana su un terreno prodotto utilizzando campioni di suolo lunare prelevato durante le missioni spaziali Apollo 11, Apollo 12 e Apollo 17.

Si tratta del primo esperimento che mostra la possibilità di far nascere piccole piantine sulla Luna a determinate condizioni. Un passo in avanti verso la possibilità di costruire una stazione spaziale permanente sul nostro satellite.

Piante lunari, i risultati della ricerca

Per poter capire se i semi di Arabidopsis thaliana (piantina molto spesso utilizzata per questo tipo di esperimenti) potrebbero o meno germogliare in un ambiente lunare è stato riprodotto in laboratorio un piccolo spicchio di suolo lunare.

Molto piccolo, a dire il vero. Gli scienziati, infatti, avevano a disposizione soltanto 12 grammi di materiale lunare, per cui hanno dovuto costruire dei minuscoli pozzetti grandi quanto un ditale all’interno dei quali è stata posizionata una piccola parte di suolo lunare.

Ogni pozzetto, insomma, funzionava come un vaso. All’interno di ognuno dei vasi è stato inserito un grammo di terreno lunare, aggiungendo una soluzione nutritiva e alcuni semi di Arabidopsis.

Il risultato è stato positivo in quasi tutti i vasetti. “Siamo rimasti stupiti. Non l’avevamo previsto – ha affermato  la professoressa Anna-Lisa Paul del Centro interdisciplinare per la ricerca biotecnologica e il dipartimento di scienze orticole dell’Università della Florida -. Le piante hanno contribuito a stabilire che i campioni di suolo riportati dalla luna non ospitavano agenti patogeni o altri componenti sconosciuti che possono danneggiare la vita terrestre”.

Articolo precedenteTwitter vieta le pubblicità contro il cambiamento climatico. E gli altri social?
Articolo successivoRoma, a Palazzo Merulana il Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto