Cultura

PIANO TRAVEL ITALY. UN PIANOFORTE FA IL GIRO D’ITALIA

Condividi

Piano Travel Italy. Un viaggio nella bellezza misteriosa dell’Italia, nei luoghi estremi, solitari, abbandonati o semplicemente magici.

Dal Monte Bianco a Matera, dall’isola di Comacina alla faggeta di Canfaito, nelle Marche. Sono alcune delle tappe di Piano Travel Italy, un pianoforte in giro per il Belpaese per sonorizzare la bellezza e raccontare le risorse naturali, culturali e ambientali con la forza della musica e delle immagini.

L’idea nasce da un sodalizio tra una nota pianista e direttrice d’orchestra, Cinzia Pennesi, e un giornalista, videomaker e fotografo di viaggi, Max Rella, collaboratore di TeleAmbiente e delle principali riviste nazionali di turismo, cultura ed enogastronomia.

Con un sodalizio nato anche per scoprire, conoscere e promuovere la bellezza attraverso la musica, l’arte e la natura, la coppia va alla scoperta di luoghi insoliti, lontani, nascosti o dimenticati per raccontarli e farli rivivere attraverso una breve opera al pianoforte accompagnata da immagini fisse e in movimento dell’ambiente in cui è contestualizzata l’opera musicale: una sonata di Bach per il Monte Bianco o un  pezzo composto dalla stessa Cinzia Pennesi per la Faggeta di Canfaito, sul monte San Vicino, nel comune di San Severino Marche, che firma il prossimo video realizzato dai due e di imminente pubblicazione.

Mi colpisce in particolare vedere un pianoforte in un luogo impossibile per uno strumento del genere, pesante, ingombrante, delicato – ha dichiarato l’autore Max Rella –. Eppure portarlo in questi posti, rendendoli ancora più magici con la musica, è una bella sfida anche per richiamare all’attenzione il  rispetto dell’ambiente”.

La Musica, linguaggio dell’indicibile, abbraccia totalmente il luogo che diviene suono, luce e colori – aggiunge Cinzia Pennesi -. Un’emozione che racconta  la nostra identità e storia accompagnandoci in un fantastico viaggio al di là di un preciso spazio temporale, in ambienti che appaiono senza tempo, grazie a un pianoforte viaggiante che esegue la partitura già scritta dalla natura e dalla storia”.

 

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago