AttualitàInquinamento

Pfas, pubblicate tutte le mappe dell’inquinamento in Veneto

Condividi

Greenpeace insieme all’associazione Mamme no Pfas hanno pubblicato le mappe dell’inquinamento da sostanze perfluoro del Veneto.

Greenpeace e l’associazione Mamme no Pfas hanno pubblicato tutte le mappe con i rapporti di prova e i monitoraggi sulla presenza di Pfas nelle province di Verona, Vicenza e Padova, la cosiddetta “zona rossa” dell’inquinamento da perfluoro.

Pfas, l’Ue vieta 200 nuove sostanze (ma migliaia restano consentite)

La documentazione era già disponibile, su richiesta, dallo scorso 20 settembre ma adesso oltre alle mappe già rese note il mese scorso ne sono state aggiunte altre con tabelle in cui è possibile visualizzare i dati per ogni singolo alimento nonché verificare la presenza di ogni singolo PFAS.

 


“È paradossale che ancora una volta siano Greenpeace e le Mamme No Pfas a condurre un’operazione di trasparenza e accessibilità alle informazioni mentre la Regione continua a trincerarsi dietro un silenzio assordante”,  commentano le due associazioni.

Pfas, l’allarme in un nuovo studio: “Tracce in oltre 100 prodotti cosmetici”

“Le popolazioni che da decenni convivono con livelli allarmanti di sostanze chimiche – non solo nell’ambiente in cui vivono ma anche nel loro corpo – hanno il diritto di sapere a cosa vanno incontro mangiando gli alimenti provenienti dalla zona rossa.”

Pfas in piatti e posate compostabili: paura nelle mense scolastiche

“Lo stesso discorso – continuano le associazioni – vale anche per tutte le altre persone, italiane e straniere, che, in modo inconsapevole, potrebbero ancora oggi consumare decine di alimenti con elevati livelli di Pfas per colpa dell’inerzia istituzionale. Il presidente Zaia, che si è sempre dichiarato attento alla questione, non interviene e di fatto continua ad avallare il comportamento opaco e omissivo della Regione: una mancanza inaccettabile proprio da parte di quelle istituzioni che dovrebbero tutelare la salute della popolazione”.

 

(Visited 26 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago