AttualitàSalute

Pfas, l’allarme in un nuovo studio: “Tracce in oltre 100 prodotti cosmetici”

Condividi

Pfas, l’allarme in un nuovo studio: tracce dei composti chimici sono state rinvenute in più della metà di 231 diversi prodotti di cosmetica analizzati. Ci sono anche prodotti di marche ‘top’ a livello mondiale.

Pfas, il nuovo allarme: tracce dei pericolosi composti chimici sono state rinvenute in più della metà di 231 diversi prodotti cosmetici analizzati da alcuni ricercatori statunitensi e canadesi. Tra i prodotti analizzati ci sono anche quelli di marche molto conosciute a livello mondiale. Lo studio è stato già sottoposto a peer-review e pubblicato su Environmental Science & Technology. Dalle analisi, emergono alti livelli di fluorina organica, un indicatore importante sulla presenza di Pfas.

Tra i prodotti analizzati ci sono rossetti, mascara, fondotinta, eyeliner, correttori, balsami per labbra, fard e smalti. Quelli che in più casi presentano alti livelli di Pfas sono i mascara (82% dei marchi analizzati), i fondotinta (63%) e i rossetti liquidi (62%). I Pfas sono composti chimici estremamente resistenti che non si degradano naturalmente e che, se accumulati nell’organismo, possono causare diverse patologie come il cancro, malattie della tiroide e del fegato, problemi ormonali, immunodeficienza e malformazioni alla nascita.

Pfas, lo studio in Veneto: “Incidenza maggiore di malattie e Covid più mortale”

Tom Bruton, tra i ricercatori che hanno condotto lo studio, ha spiegato: “Per la prima volta qualcuno ha cercato la fluorina e i Pfas nei cosmetici, quindi non sapevamo cosa avremmo trovato. Non ci aspettavamo però che nei prodotti di uso quotidiano come i cosmetici fossero presenti tali livelli di composti chimici inquinanti e dannosi“. Il Guardian cita anche le principali marche di cui sono stati analizzati i prodotti cosmetici: L’Oréal, Ulta, Mac, Cover Girl, Clinique, Maybelline, Smashbox, Estée Lauder e Nars. Lo studio, tuttavia, non ha rivelato a quali brand appartenessero i prodotti potenzialmente dannosi.

(Visited 35 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago