AttualitàSalute

Pesticidi nei suoli agricoli europei da oltre 70 anni: ecco le conseguenze. Lo studio

Condividi

Lo studio su 340 campioni di suolo provenienti da tre paesi europei per studiare l’impatto di 70 anni di uso di pesticidi: il  contenuto totale nei terreni convenzionali era tra il 70% e il 90% superiore rispetto ai terreni organici (Glyphosate e Pendimethalin in maggior quantità).

I pesticidi sono utilizzati nell’agricoltura europea da più di 70 anni, quindi è necessario monitorare la loro presenza, i livelli e i loro effetti sulla qualità e sui servizi dei suoli europei per stabilire protocolli per l’uso e l’approvazione di nuovi prodotti fitosanitari.

Nel tentativo di affrontare questo problema, un team guidato dalla dott.ssa Violette Geissen dell’Università di Wageningen (Paesi Bassi), ha analizzato 340 campioni di suolo provenienti da tre paesi europei per confrontare la distribuzione del contenuto di cocktail di pesticidi nei suoli sottoposti a pratiche di agricoltura biologica e suoli con pratiche convenzionali.

Pesticidi, a rischio il 64% dei terreni agricoli: la mappa globale in 168 Paesi

I campioni di suolo sono stati ottenuti da due siti di studio di casi in Spagna, un sito di studio di casi in Portogallo e un sito di studio di casi nei Paesi Bassi. Questi coprivano quattro delle principali colture europee: prodotti orticoli e arance (in Spagna), uva (in Portogallo) e produzione di patate (nei Paesi Bassi). Le analisi chimiche hanno rivelato che il contenuto totale di pesticidi nei terreni convenzionali era tra il 70% e il 90% superiore rispetto ai terreni organici, sebbene questi ultimi contenessero anche residui di pesticidi.

Sebbene nel 70% dei terreni convenzionali siano state rilevate miscele fino a 16 residui per campione, nei terreni organici sono stati trovati solo un massimo di cinque residui diversi. i residui più frequenti e in maggiore quantità sono stati gli erbicidi Glyphosate e Pendimethalin. I campioni sono stati raccolti tra il 2015 e il 2018 e, poiché non si sono verificati grandi cambiamenti in termini di gestione, sono indicativi della situazione attuale e probabilmente di altre aree agricole dell’UE.

Pesticidi, il comune di Nepi mette al bando il glifosato

Una volta spiegata la presenza di questi cocktail di pesticidi nei suoli agricoli europei, diventa necessario avere una maggiore comprensione degli effetti che queste miscele complesse e cumulative hanno sulla salute del suolo, un’area in cui attualmente c’è una grande mancanza di informazioni.

Il team di ricerca sottolinea la necessità di definire e introdurre normative e punti di riferimento sui cocktail di pesticidi nei suoli al fine di proteggere la biodiversità del suolo e la qualità della produzione agricola. Inoltre, tenendo conto della persistenza dei residui nei suoli organici è necessario riconsiderare il tempo necessario per il passaggio dall’agricoltura convenzionale all’agricoltura biologica, rendendolo dipendente dal mix di residui nel suolo al punto di partenza e dal tempo che impiegano per degradare.

Pesticidi in fragole e spinaci: tutta la classifica della “sporca dozzina”

(Visited 27 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago