Perugia, inaugurato Spazio Mai, hub culturale di aggregazione sociale e rigenerazione urbana

Un punto di riferimento di aggregazione sociale e di rigenerazione urbana in una delle aree più dinamiche della periferia di Perugia.

A San Sisto, nella zona industriale di Perugia l’associazione Occhisulmondo, ha inaugurato, Spazio Mai, un hub culturale destinato a percorsi di formazione professionale ma anche ad appassionati delle arti dello spettacolo, del cinema e delle arti performative.

“Uno spazio polifunzionale – ha sottolineato a TeleAmbiente il direttore artistico di Spazio Mai, Luca Mikolajczakche sarà destinato a corsi, Laboratori, workshop, shooting fotografici, registrazioni audio, eventi ed Incontri pubblici, una serie di attività creative che qui possono trovare finalmente casa in una zona periferica, tra le più attive del Comune di Perugia”

Alla festa organizzata per l’apertura, oltre a tanti addetti ai lavori, erano presenti tra gli altri anche il sindaco di Perugia, Andrea Romizi e gli assessori Gabriele Giottoli e Leonardo Varasano.

“Uno spazio molto significativo – ha spiegato l’assessore alla cultura Leonardo Varasanoper il luogo, tra San Sisto e Sant’Andrea delle Fratte, ed ancora più significativo per i contenuti. Uno spazio versatile e particolarmente accogliente che dà la possibilità all’associazione Occhisulmondo, ma anche a tanti altri collaboratori, di esprimere la creatività e l’arte in tanti modi. Uno spazio di cui si sentiva il bisogno e che deve essere replicato”.

Parole di elogio sono arrivate anche dal sindaco di Perugia, Andrea Romizi: “Uno spazio in una zona non centralissima – ha commentato a TeleAmbiente il primo cittadino di Perugia – ma piena di energia, perché in questi anni sono nate e cresciute tante realtà che stanno animando questa parte del nostro comune, che sarà anche interessata da diversi piano di intervento da parte dell’amministrazione”.

Foto di copertina: Mattia Maiotti

Articolo precedenteTetto al prezzo del gas, l’Unione europea è spaccata sull’ipotesi price cap. Ecco la bozza della Commissione
Articolo successivoGiovanni Maria Flick: “Allevamenti intensivi peggio dei campi di concentramento”