Attualità

Parchi, Costa avvia iter per Area Marina protetta di Capri

Condividi

Parchi. “Con questa firma oggi avvio l’iter ufficiale per istituire l’Area Marina Protetta dell’Isola di Capri”, Sergio Costa, Ministro dell’Ambiente.

Ora in diretta. Collegatevi

In diretta ora per una bellissima notizia. Un regalo di Natale per gli abitanti di Capri e anche per l'Italia tutta.Collegatevi!

Pubblicato da Sergio Costa su Lunedì 23 dicembre 2019

Nasce il portale “Sapori dei Parchi”, 117 prodotti Doc, Dop e Igp

Con una diretta Facebook dagli uffici del ministero, il ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha annunciato la sottoscrizione della lettera che apre le procedure per l’istituzione della nuova area marina.

«In passato, dagli organi di informazione sono venuto a conoscenza circa la presunta mancanza di risorse e della mia contrarietà all’istituzione, ma a queste polemiche rispondo oggi con le carte e con i fatti – spiega il ministro Sergio Costa –. Questa è la politica. All’appello dei sindaci di Capri e Anacapri, rispondo con la lettera che avvia l’iter e invio anche la cartografia che determina il perimetro dell’Area Marina Protetta».

Natura, un uomo ha passato l’anno mangiando solo il cibo da lui coltivato

Siglata la lettera e notificata la lettera ai sindaci dell’isola, a gennaio gli stessi saranno convocati al ministero dell’Ambiente per partecipare alla riunione con la quale dichiareranno se concordano con questo percorso.

«Subito dopo – aggiunge il ministro – incontreremo le associazioni, il mondo della pesca e tutti i protagonisti di quest’area, il tutto in tempi brevissimi. Abbiamo di fronte un patrimonio ambientale che tutti abbiamo fretta di proteggere.

Grazie a tutti coloro che sosterranno nelle prossime settimane questa iniziativa».

(Visited 21 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago