Attualità

Parcheggio gratis su strisce blu per i disabili. Approvato l’emendamento Muroni

Condividi

Approvato all’unanimità l’emendamento al Dl Infrastrutture, a prima firma della Deputata di FacciamoECO, Rosella Muroni, per garantire la sosta gratuita sulle strisce blu per le auto di o in uso a persone con disabilità.

Il testo, ispirato a una proposta di CittadinanzAttiva e firmato anche dai colleghi di FacciamoECO Cecconi, Fioramonti, Fusacchia e Lombardo, insieme a quello analogo dell’On. Gadda è stato sottoscritto in modo trasversale da quasi tutti i gruppi politici.

Maltempo, allerta rossa in Sicilia e Calabria. Automobilista muore annegato a Gravina

“È stato approvato all’unanimità con riformulazione dalle Commissioni riunite Ambiente e Trasporti della Camera l’emendamento a mia prima firma al Decreto Infrastrutture – spiega l’On. Rossella Muroni – che prevede la sosta gratuita sulle strisce blu per le auto di o in uso a persone con disabilità, dotate del relativo contrassegno, qualora siano già occupati o indisponibili i posti a loro riservati”.

Venezia, l’appello del Nobel per la Letteratura Orhan Pamuk a Draghi: “Solo lei può salvarla”

“I costi di questa norma saranno coperti dalle multe a carico degli automobilisti che occupano senza titolo parcheggi dedicati a specifiche categorie di utenti – evidenzia Muroni – La misura si applica dal primo gennaio 2022, data entro la quale tutti i Comuni dovranno adeguarsi. Così il diritto di tutti ad una piena e agevole mobilità non dipenderà più dalla buona volontà del Sindaco. Una buona notizia per dare concretezza e universalità alla libertà di movimento, che spero non venga fermata dall’esame della Ragioneria dello Stato“.

(Visited 50 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago