AttualitàPolitica

Pantelleria, Sonia Anelli è la prima donna in Italia a dirigere un parco nazionale

Condividi

La dottoressa Sonia Anelli è stata nominata direttrice del parco nazionale di Pantelleria. Si tratta della prima donna nella storia d’Italia a ricoprire questo ruolo.

Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, ha nominato Sonia Anelli direttrice del parco nazionale dell’isola di Pantelleria. Nata a Parma e laureatasi in Scienze biologiche nel 1996, la dottoressa Anelli è esperta di pubblica amministrazione, educazione ambientale e conservazione della natura. Per più di vent’anni si è occupata della gestione dei fondi europei per la tutela ambientale ed è la prima donna in Italia a dirigere un parco nazionale.

Recovery, Cingolani “Transizione ecologica ma anche burocratica”

Con la nomina di Sonia Anelli si completa quindi il quadro direttivo del parco nazionale dell’isola di Pantelleria. Lo ha spiegato anche il presidente, Salvatore Gabriele, in una nota sul sito del parco nazionale. La dottoressa Anelli, dal 1998, ha lavorato nell’allora parco regionale delle Valli del Cedra e del Parma (l’ente che dal 2012 è conosciuto come Parchi del Ducato). La nuova esperienza professionale la farà entrare nel parco nazionale di Pantelleria, nato nel 2016 per tutelare una porzione pari all’80% del territorio dell’isola siciliana.

“Sono molto soddisfatta, la sfida è far crescere l’identità del parco coniugando la tutela delle aree protette con le esigenze locali. Spero che la mia nomina possa essere l’inizio di un cambio di passo per vedere altre donne direttrici di parchi nazionali”, ha spiegato Sonia Anelli.

(Visited 29 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago