AttualitàGood News

‘Bread for Future’, impastare il Pane con l’acqua di mare per salvare l’ambiente

Condividi

Impastare il Pane con l’acqua di mare per salvare l’ambiente. La proposta è stata lanciata dal ricercatore del Cnr-Istituto per la Protezione Sostenibile delle piante di Portici, Giuseppe Sorrentino e dal panettiere di Napoli Rodolfo Molettieri, ricalcando un’idea che nata nel Napoletano diversi anni fa

“L’utilizzo dell’acqua di mare nel processo produttivo – ha spiegato Giuseppe Sorrentino al Venerdì di Repubblica – fa risparmiare acqua dolce mentre l’uso di farine di grani antichi evita diserbo e trattamenti fitosanitari e contribuisce alla biodiversità”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Rodolfo Molettieri (@molettierirodolfo)

Biova, il progetto di economia circolare che trasforma il pane invenduto in birra

Ogni anno infatti 3.416 miliardi di litri di acqua dolce sono destinati al pane.

Nel 2050, come sostiene la Fao, la popolazione mondiale arriverà a 9 miliardi e questo comporterà un aumento del ciclo produttivo alimentare che vedrà a sua volta crescere la richiesta di acqua del 60%.

Il tutto, parallelamente al riscaldamento globale che sta aumentando il processo di desertificazione del Pianeta.

Per questo, risparmiare acqua è diventato un imperativo.

“Dobbiamo essere tutti più consapevoli se non vogliamo distruggere il Pianeta – ha Rodolfo Molettieri –  ogni anno vengono prodotte in Italia 26.280 tonnellate di pane, di cui 4.745 buttate. Il pane con l’acqua di mare dura più a lungo, fino a 12 giorni, senza muffe”.

 

 

(Visited 59 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago