AnimaliGood News

Hong Kong, lo zoo è chiuso e due panda si accoppiano: ci hanno provato per 10 anni

Condividi

Lo zoo è chiuso per l’emergenza coronavirus e due panda finalemente indisturbati riescono a da accoppiarsi: erano 10 anni che ci provano. Questa è una buona notizia per una specie molto vulnerabile a rischio estinzione. 

Coronavirus, i guardiani passano la quarantena nello zoo per accudire gli animali

Dopo dieci anni di tentativi da parte degli operatori dello zoo, due panda,  Ying Ying e Le Le, sono riusciti ad accoppiarsi. E questo è successo proprio quando l’Ocean Park di Hong Kong ha chiuso a causa dell’emergenza coronavirus. Evidentemente i due panda “avevamo bisogno di un po’ di privacy”, come scrive la Cnn.

Infatti solo a porte chiuse i due animali hanno cominciato a manifestare i comportamenti tipici della stagione degli amori, che solitamente si presenta tra marzo e maggio. “Ying Ying ha iniziato a passare più tempo a giocare nell’acqua mentre Le Le marcava il territorio e ricercava l’odore della femmina”, ha aggiunto Michael Boos, direttore esecutivo del parco.

Coronavirus, come comportarsi con gli animali domestici? I consigli dell’OMS

Secondo le stime dell’Ocean Park, i panda sono animali molto vulnerabili e rischiano l’estinzione: nel loro habitat naturale ne sono rimasti solo 1800. Ancora non è certo che questo accoppiamento porti ad una gravidanza ma resta comunque una buona notizia.

Animali, cavalli e bisonti possono evitare lo scioglimento del permafrost

(Visited 160 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago