Good News

Palloncini nel cielo? Ecco le alternative non pericolose per l’ambiente

Condividi

Liberare i palloncini in aria può essere emozionante ma pericoloso per l’ambiente. Ecco le soluzioni più comuni per sostituirli.

La pratica del liberare i palloncini nel cielo, che consiste nel rilasciare in aria dei palloncini riempiti con l’elio, è una pratica comune ma pericolosa per l’ambiente. Solitamente viene svolta durante eventi sportivi e celebrazioni. I produttori di palloncini sostengono che il latex dei palloncini sia biodegradabile.

In realtà il latex lo è, ma quello usato per i palloncini solitamente ha agenti chimici e plastici che impediscono al latex di degradarsi naturalmente. Bisogna prendere anche in considerazione il tempo che impiegano i palloncini per biodegradarsi. Possono impiegarci una settimana, un mese o perfino un anno ma hanno bisogno di tempo e questo crea una minaccia per l’ambiente e gli animali.

Inquinamento, gli oceani contengono plastica per un milione di volte maggiore di quanto si pensi

Le lanterne cinesi non possono essere un’alternativa ai palloncini. Queste lanterne prendono il volo grazie alla candela che brucia all’interno e questa può causare incendi o danni fisici.

Un’alternativa problematica può essere rilasciare gli uccelli. I piccioni addomesticati sono tra i più liberati nel cielo ma gli esperti consigliano di non farlo. Secondo pigeonrescue.org: “il rilascio dei piccioni da l’idea che un uccello possa essere liberato e vivere felice e contento. Anche nelle migliori circostanze i piccioni vengono feriti e uccisi durante la strada verso casa. Il caso peggiore è quando i piccioni e le tortore vengono liberate senza gli esperti. In quel caso muoiono quasi tutte.

Trecento uccelli morti misteriosamente in Galles VIDEO

La liberazione delle farfalle è un’altra pratica che può sembrare innocua ma non è cosi: “le farfalle cresciute senza controlli possono diffondere malattie e parassiti nella fauna con effetti devastanti. Spesso le farfalle vengono liberate a distanza dal loro habitat creando un mix genetico pericoloso con gli altri esemplari con cui entrano in contatto quando accade, una specie non natia viene introdotta in una nuova area. Nel migliore dei casi le farfalle migrano. Nel caso peggiore, creano danni nell’ecosistema. Il messaggio di Jurassic Park “non si gioca con madre natura” ha delle fondamenta scientifiche.

Ecco invece alcuni casi con cui possono essere sostituiti i palloncini:

  • Piantare un albero può essere una soluzione per commemorare gli eventi importanti. Ogni singolo albero ha un impatto fondamentale, da pulire l’aria a fornire l’ossigeno di cui abbiamo bisogno. Molti tipi di alberi continueranno a vivere anche dopo che abbiamo lasciato questo pianeta;

Alberi, meglio della tecnologia: è il modo più efficiente per ridurre l’inquinamento

  • Trasformare fogli di carta in origami può essere un modo divertente per commemorare eventi importanti. Il processo di creazione inoltre ci consente di concentrarci e liberare la mente per riflettere sui momenti importanti delle nostre vite;

  • Nessuno di questi oggetti può replicare l’emozione di vedere palloncini volare nel cielo ma con gli aquiloni è possibile farlo. Inoltre essendo legati ad un filo non si rischia di disperderli nell’ambiente.

In verità per celebrare i momenti speciali non c’è bisogno di disperdere nulla nell’ambiente. Riunirsi per parlare, condividere i bei momenti e divertirsi è tutto quello di cui c’è bisogno per godersi gli eventi speciali.

(Visited 10 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago