Attualità

Nubifragio a Palermo, strade allagate e automobilisti intrappolati: centinaia di interventi dei vigili del fuoco

Condividi

Palermo colpita da un violento nubifragio in nottata: strade e sottopassi allagati. Automobilisti intrappolati e centinaia di interventi dei vigili del fuoco.

Palermo colpita in nottata da un violento nubifragio. Dalle 4 della scorsa notte, la pioggia si è abbattuta sul capoluogo siciliano, allagando strade e sottopassi e rischiando di costituire una trappola mortale per gli automobilisti. I vigili del fuoco, da ormai sette ore, stanno lavorando incessantemente: un centinaio gli interventi in città e nei dintorni, di cui quasi una trentina per soccorrere automobilisti rimasti intrappolati.

 

La maggior parte degli interventi, come di consueto, si è concentrata nelle strade che presentano maggiori criticità per via della loro conformazione: la circonvallazione di viale Regione Siciliana, piazza Indipendenza, via Imera, via Re Ruggero e via Messine Marine. Per liberare gli automobilisti intrappolati sono intervenuti anche i sommozzatori, il reparto fluviali e un mezzo anfibio.

Germania, il bilancio dell’inondazione è drammatico: 156 vittime e 670 feriti

Per tutto il corso della mattinata, i vigili del fuoco saranno impegnati a eseguire controlli e verifiche in appartamenti e abitazioni dove la pioggia ha provocato infiltrazioni d’acqua e crepe.

(Visited 98 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago