Politica

PAC, prolungate le regole attuali per altri due anni. De Castro: ” Maggiori certezze per gli agricoltori”

Condividi

Si sono concluse le trattative sul regolamento transitorio della Pac (politica agricola comune) che prolunga le regole attuali dopo il 2020. La riforma della politica agricola comune entrerà in vigore non prima del primo gennaio 2023. Per l’ufficialità serve però ancora l’approvazione degli Stati membri, attesa nel comitato speciale agricoltura previsto nel pomeriggio.

Abbiamo vinto il braccio di ferro che ci opponeva alla Commissione europea, ottenendo una proroga dell’attuale Pac per un periodo di due anni, ossia fino al 31 dicembre 2022. L’accordo, raggiunto oggi dai negoziatori del Parlamento europeo, con il sostegno della presidenza croata del Consiglio Ue, ci permette di dare certezze ai nostri agricoltori e alle nostre aree rurali – Paolo De Castro, coordinatore S&D alla commissione agricoltura del Parlamento europeo commenta con soddisfazione – Tengo a ringraziare il team negoziale del Parlamento, guidato dalla collega Elsi Katainen, e della presidenza croata, per l’ottimo lavoro svolto, nonostante le pressioni e le minacce da parte dell’Esecutivo Ue di far saltare le trattative in caso di accordo superiore ad un anno“.

Pac 2020, il 40% dei fondi è destinato all’ambiente

L’accordo raggiunto – spiega De Castro – dovrà ora essere validato dall’Assemblea plenaria e dal Consiglio dei ministri dell’agricoltura Ue. Poi, finalmente, avremo a disposizione i regolamenti europei transitori per traghettare la Politica agricola oltre al 2020. Questo significa poter garantire certezza giuridica ai nostri agricoltori, che avranno la possibilità di programmare i loro piani aziendali per i prossimi anni. Abbiamo infatti bisogno di più tempo per ottenere un accordo ambizioso sulla futura Pac e una decisione sul bilancio agricolo per i futuri sette anni. Il periodo transitorio di due anni – prosegue De Castro – ci permetterà anche di completare diversi programmi operativi di sostegno, quali l’apicoltura, l’olio d’oliva e la viticoltura, così come rafforzare le misure di gestione del rischio, abbassando dal 30 al 20% le soglie minime di perdita per l’attivazione dei fondi mutualistici contro le avversità climatiche e dello strumento di stabilizzazione del reddito aziendale”.

Agricoltura e territorio: la distintività dell’agroalimentare italiano per il rilancio dell’economia VIDEO

La ministra dell’agricoltura Teresa Bellanova, nel corso della giornata “Fai Bella l’Italia”, organizzata dalla Fai, federazione agroalimentare e ambientale della Cisl e dedicata al tema della “Ripartenza “La sostenibilità'”, ha detto: “Deve rappresentare il nostro prioritario punto di caduta. Non ci può essere tutela del suolo, della terra, dell’aria, dell’acqua, tutela del paesaggio e della biodiversità, futuro verde, senza una centralità dell’agricoltura orientata intorno ai tre pilastri essenziali: ambientale, sociale, economico. L’ho ribadito anche ieri nel corso dell’Agrifish che siglava la chiusura della Presidenza Croata. La futura Pac deve contenere obiettivi particolarmente ambiziosi in materia di ambiente e clima, per privilegiare i processi produttivi piu’ orientati alla sostenibilità. Ma il livello di ambizione ambientale deve necessariamente tener conto delle risorse che avremo a disposizione. I nostri agricoltori saranno infatti in grado di seguire la strada che stiamo tracciando, solo se gli impegni da mettere in atto saranno adeguatamente compensati. Serve un impegno concreto. Solo cosi’ possiamo dare risposte all’ambiente, ai produttori e a un lavoro di qualità, e realizzare concretamente il futuro verde che tutti noi prefiguriamo“.

Agricoltura, Bellanova: “tagli su bilancio pluriennale non aiutano pac più green”

(Visited 15 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago