AttualitàEconomiaPolitica

Pac, il Parlamento Ue approva la riforma. Eleonora Evi: “Accordo scellerato”

Condividi

Pac, il Parlamento europeo approva la riforma. Si tratta del frutto di larghi compromessi che rischia di scontentare i più, come ribadito anche dall’eurodeputata dei Verdi, Eleonora Evi.

La commissione Agricoltura del Parlamento europeo ha approvato la riforma della Politica agricola comune. Si tratta del frutto di larghi compromessi non solo tra le varie forze politiche, ma anche tra enti istituzionali come Europarlamento, Commissione europea e Consiglio europeo.

Pac, raggiunto in extremis un accordo che lascia scontenti gli ambientalisti

L’accordo tra i vari organi politici europei era arrivato a giugno, ma ora c’è anche l’ok della commissione Ambiente. Il via libera definitivo dovrebbe arrivare in plenaria durante la seduta di novembre, con l’approvazione, da parte della Commissione europea, dei piani strategici nazionali, nel primo semestre del 2022.

L’entrata in vigore della riforma della Pac è prevista invece per il 1 gennaio 2023, ma l’accordo raggiunto in commissione Agricoltura è frutto di compromessi troppo larghi. E in molti potrebbero esserne scontenti. I più agguerriti sono senza dubbio i Verdi, con l’eurodeputata Eleonora Evi che attacca: “È stato approvato in sordina un accordo scellerato sulla Pac dal 2022 in poi. La riforma regala un terzo del bilancio Ue in sussidi alle grandi aziende dell’agricoltura industriale, lasciando le briciole ai piccoli agricoltori e alle aziende che cercano di praticare un’agricoltura sostenibile e virtuosa“.

 

L’onorevole Evi poi aggiunge: “L’accordo, al netto dei vuoti proclami ambientali, non è altro che ‘business as usual’: i grandi colossi continueranno a ricevere miliardi di soldi pubblici, senza dover cambiare le proprie pratiche agricole, mentre i più piccoli continueranno a scomparire“.

(Visited 105 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago