In questo numero di Agrifood Magazine, realizzato in collaborazione con Italpress: 1) Da Bruxelles ok al Piano strategico nazionale per la nuova Pac entro luglio; 2) Il Parmigiano Reggiano protagonista al Giro d’Italia; 3) Aumenta la superficie destinata ai vigneti; 4) Vino, in Calabria il Concours Mondial de Bruxelles

 

In questo numero di Agrifood Magazine, realizzato in collaborazione con Italpress:

1) Da Bruxelles ok al Piano strategico nazionale per la nuova Pac entro luglio: Il Piano Strategico Nazionale per la nuova Politica Agricola Comune sarà concluso e approvato entro fine luglio. Sono le parole del Ministro delle Politiche Agricole, Stefano Patuanelli, al termine dell’incontro con il Commissario europeo Janusz Wojciechowski a Bruxelles. Nel faccia a faccia, Patuanelli e Wojciechowski hanno parlato del piano nazionale italiano, in attesa del via libera di Bruxelles. Rispondendo poi ad una domanda sulla possibilità di utilizzare parte del fondo di sviluppo rurale Ue per finanziare il piano RePower EU, Patuanelli ha ricordato che “le scelte fatte dall’Italia nel Pnrr per accompagnare la Pac” rendono “complicato ridurre ulteriormente le risorse destinate all’agricoltura”, che “già viene da una riduzione delle risorse” sia per gli aiuti diretti che per lo sviluppo rurale.

Animali, un gruppo di sub spagnoli salva balena intrappolata in una rete abusiva

2) Il Parmigiano Reggiano protagonista al Giro d’Italia: Il Parmigiano Reggiano è protagonista del giro d’Italia firmando l’undicesima tappa della corsa rosa che si è svolta nella zona di origine del formaggio dop, quella partita da Sant’Arcangelo di Romagna e terminata a Reggio Emilia.

Cinghiali e peste suina, Zingaretti: “Avanti con gli abbattimenti”. Ferrari: “G.R.A. buona barriera”

3) Aumenta la superficie destinata ai vigneti: Il vino sembra ormai essere il settore di punta dell’agroalimentare italiano e lo testimoniano i numerosi investimenti in marketing, in tecnologia, in promozione e distribuzione, ma soprattutto nell’asset primario: i vigneti. Secondo i dati dell’Osservatorio del Vino dell’Unione italiana vini, a fine 2022 il vigneto Italia dovrebbe toccare quota 677.549 ettari, con una crescita nel quinquennio 2016-2021 di oltre il 4,9% (circa 31 mila ettari). A tirare la volata dei nuovi filari i due grandi fenomeni enologici del Nord Est: Prosecco e Pinot Grigio. Negli ultimi cinque anni infatti, Veneto e Friuli Venezia Giulia sono state di gran lunga le regioni nelle quale si è piantato di più con 13.528 ettari in Veneto e 4.264 in Friuli. Dai dati dell’Osservatorio Uiv emerge che la voglia di vigneti è diffusa in tutto il Paese. Dopo gli espianti dei primi anni 2000 si è tornato a investire in Puglia (3.773 ettari tra il 2016 e il 2021), in Abruzzo (2.441), in Toscana (1.959), in Emilia Romagna (1.654), ma anche Marche (940), Piemonte (833), Sardegna (686), Campania (453). Di particolare rilievo, il dato della Sicilia che con 99mila ettari è la seconda regione per numero di vigneti alle spalle del Veneto (100mila). Insieme Veneto, Sicilia e Puglia (con 90mila ettari) rappresentano oltre il 42% dei vigneti italiani.

Bracconaggio, sequestrate in Congo due tonnellate di zanne di elefante

4) Vino, in Calabria il Concours Mondial de Bruxelles: L’Europa sceglie la Calabria per celebrare il mondo del Vino, radunando nella regione produttori e cantine internazionali, in occasione della ventinovesima edizione del Concours Mondial de Bruxelles.

Articolo precedenteEcofuturo, ultima giornata del festival dedicato a ciclo rifiuti, geotermia ed elettrico
Articolo successivoClima, Venezia a prova di eventi estremi. Ecco lo studio italo-americano