Attualità

PAC POST 2020, QUALI SFIDE ATTENDONO IL SETTORE AGRICOLO COMUNE?

Condividi

Pac post 2020, quali sfide attendono il settore agricolo comune? Un bilancio europeo da 1.135 miliardi di euro in impegni e 1.105 miliardi di euro in pagamenti, con meno fondi per PAC e Coesione e nuove risorse proprie per contenere l’aumento dei contributi nazionali.

È la proposta per il Quadro finanziario pluriennale 2021-2027 presentata dalla Commissione europea.

“Un piano pragmatico su come fare di più con meno” – commenta il presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker.

Un processo chiave per il futuro dell’Unione europea e della Pac (la politica agricola comune).

Ma quali sono le sfide che attendono il settore agricolo comune?

Occasione di confronto sul processo di revisione delle politiche dell’unione europea e sul ruolo della politica agricola comunitaria, è stato il convegno ‘Nuovi scenari per le politiche comunitarie: la partita dell’Italia per il dopo 2020’, organizzato dal M5S alla Camera dei Deputati.

Per il MoVimento, è necessario più che mai mettere al centro del dibattito le opzioni che si vanno profilando, identificare le opportunità da cogliere per disegnare gli strumenti che, meglio di altri, siano in grado di sostenere il nostro sistema agro-alimentare, e costruire un percorso di approfondimento e conoscenza. Vogliamo andare in Europa – spiegano i parlamentari pentastellati – con un messaggio forte per difendere l’agricoltura italiana.

(Visited 126 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago