AttualitàClima

Overshoot day, per l’Italia sono già finite le risorse naturali per il 2021: va in debito con la Terra

Condividi

Il Global footprint network calcola l’impronta ecologica di ciascun Paese e l’Italia quest’anno ha già esaurito le risorse naturali disponibili: ogni anno quella data si avvicina sempre di più. 

Per quest’anno l’Italia ha già esaurito le risorse naturali a disposizione e per il resto del 2021 va in debito con la Terra. Il Global footprint network, che calcola l’impronta ecologica di ciascun Paese e quello globale – che nel 2020 è caduto il 22 agosto – indica che l‘”overshoot” day per il nostro Paese ricade il 13 maggio. Secondo il Global Footprint Network, l’Italia avrebbe bisogno delle risorse di 2,7 Terre per arrivare alla fine dell’anno.

 

Earth Overshoot Day, la Terra ha esaurito le sue risorse annuali

L’Overshoot day dell’Italia è un giorno prima rispetto allo scorso anno, ma del resto ogni anno questo appuntamento si presenta un po’ prima, perché la Terra si trova sempre un po’ più sotto pressione.

L’Overshoot Day di un Paese si calcola confrontando l’impronta ecologica dei suoi abitanti, cioè la quantità di superficie terrestre e acquatica biologicamente produttive che servirebbero a un individuo per produrre tutte le risorse che consuma e assorbire i rifiuti o le emissioni che produce (“le spese”), con la biocapacità globale, cioè la capacità del Pianeta di rigenerare risorse naturali per ogni suo abitante (“le entrate”). Entrambe le voci si esprimono in ettari globali (gha: la superficie di Pianeta necessaria a fornire tutto ciò che una persona richiede alla natura per il cibo, le fibre e il legno consumati, le aree occupate dalle infrastrutture urbane, le piante necessarie ad assorbire la CO2 che emettiamo).L’anno scorso l’Italia ha avuto l’overshoot day il 14 maggio e due anni fa il 15.

Clima, cosa aspettarci dal vertice indetto da Biden nella Giornata della Terra

L’impronta ecologica individuale per l’Italia è di 4,4 gha. La biocapacità globale è di 1,6 gha a persona, e il 2021 ha 365 giorni. Ecco allora la “formula” per ottenere l’Overshoot Day Italiano: 365 x (1,6 diviso 4,4 gha) = 132,7 (arrotondiamo a 133). L’Overshoot Day italiano cade quindi il 133esimo giorno dell’anno, cioè il 13 maggio. Per arrivare a fine anno mantenendo lo stile di vita italiano, servirebbero le risorse di più di 2,7 Terre (4,4 diviso 1,6).

“Serve una grande opera pubblica di tutela e rispristino della natura e della biodiversità del nostro Paese e dobbiamo agire senza ulteriori perdite di tempo. Un debito economico può essere risanato se modifichiamo le regole economico-sociali che ne governano la gestione. Un debito di natura, oltre a provocare un danno inestimabile, e’ impagabile. Ci stiamo rubando da soli il nostro futuro e lo stiamo rubando sempre di piu’ alle giovani e future generazioni. E non ce lo possiamo affatto permettere“.  Questo il punto di vista di Gianfranco Bologna, presidente onorario del Comitato scientifico del WWF Italia, intervistato dall’agenzia Dire in merito all’Overshoot Day Italia. “Se tutti gli abitanti della Terra dovessero consumare risorse naturali come il nostro Paese, avremmo bisogno di 2,8 pianeti. Questo indicatore si aggiunge ai tanti altri che mostrano la sofferenza di una natura dalla quale deriviamo e dipendiamo e per la quale noi stiamo accumulando un grave e crescente debito. Abbiamo bisogno di un radicale cambio di rotta procedendo spediti verso la totale decarbonizzazione dei nostri sistemi energetici“. 

(Visited 31 times, 2 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago