AnimaliRoma

Ostia, tartaruga Caretta caretta morta in spiaggia con una ferita al carapace

Condividi

Una tartaruga Caretta caretta è morta in spiaggia a Ostia, sul litorale romano. Inutili i tentativi di salvare l’animale, che presentava un vistoso taglio al carapace.

Una scena straziante per bagnanti e residenti di Ostia, sul litorale romano. Una tartaruga Caretta caretta è morta in spiaggia due giorni fa, dopo una lunga agonia. L’animale, infatti, presentava un enorme taglio sul carapace, causato con tutta probabilità dall’elica di una imbarcazione a motore.

Ad avvistare la tartaruga, nel primo pomeriggio di mercoledì, i bagnanti dello stabilimento balneare Plinius, che hanno anche tentato di rimettere l’animale in acqua nella speranza che potesse sopravvivere. Lo riporta il sito dell’emittente televisiva Canale 10.

Giornata Mondiale delle Tartarughe, in un anno salvati 20 esemplari

A rendere ancora più drammatica la vicenda c’è un altro dettaglio: la tartaruga Caretta caretta era anellata con numero di targhetta SNZ 222, quindi era stata monitorata nell’ambito di TartaLazio, il programma della Regione finalizzato alla tutela, al recupero e al soccorso delle tartarughe marine.

Le foto che hanno commosso tanti utenti sui social sono state scattate da Fabio Sinceri e pubblicate su Facebook dalla pagina La mia Ostia, gestita da Aldo Marinelli. Sul posto erano giunti uomini della Capitaneria di Porto e della Guardia costiera, per recuperare la carcassa.

(Visited 10 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago