Animali

Ostia, il litorale regala una meravigliosa sorpresa: una tartaruga Caretta caretta depone oltre 100 uova

Condividi

“Il mare di Roma conferma ancora una volta di essere un importante habitat dove le specie marine trovano sempre più spesso casa e questo deve renderci ancor più orgogliosi di amministrare questo territorio”, il commento di Giuliana Di Pillo, presidente del Municipio X, dopo la comparsa di oltre 100 uova depositate da un esemplare di tartaruga Caretta Caretta sul litorale di Ostia.

Questa notte la spiaggia libera “Sabbia” ad Ostia ha accolto un esemplare di tartaruga Caretta caretta che ha depositato oltre 100 uova. Dopo la segnalazione dei cittadini che hanno avvistato la splendida tartaruga, è subito partita la macchina operativa che ha visto impegnati la Capitaneria di Porto, il X Municipio, la Lipu e TartaLazio, la rete regionale per il soccorso e la gestione delle tartarughe marine. Ora le uova sono state spostate presso la Tenuta presidenziale di Castel Porziano, dove ne sarà garantita la tutela e la sicurezza.

“Appena ricevuta la comunicazione da Alessandro Polinori, responsabile Chm Lipu Ostia, dello straordinario evento, ci siamo attivati tempestivamente con l’ufficio coordinamento Demanio del X Municipio, in stretto contatto con la Capitaneria di Porto, per dare il massimo supporto alle operazioni di messa in sicurezza dell’area”, racconta il vicepresidente del X Municipio Alessandro Ieva.

Tartarughe Caretta Caretta, Legambiente schiera i Tartawatchers per salvare i nidi

“Il mare di Roma conferma ancora una volta di essere un importante habitat dove le specie marine trovano sempre più spesso casa e questo deve renderci ancor più orgogliosi di amministrare questo territorio”, afferma Giuliana Di Pillo, presidente del Municipio X .

La sempre più numerosa e variegata presenza di specie molto importanti anche dal punto di vista della conservazione sul nostro litorale deve anche rappresentare un’ulteriore stimolo ad assumere dei comportamenti responsabili e rispettosi di tutte le forme di vita che popolano il nostro stupendo mare”, sottolinea l’assessore alla Transizione Ecologica del X Municipio, Andrea Gasparini. “Come Amministrazione proseguiremo il nostro impegno per incoraggiare e sostenere delle modalità di fruizione delle nostre spiagge e della nostra costa sempre più consapevoli e sostenibili a tutela della biodiversità”.

 

 

 

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Virginia Raggi (@virginiaraggim5s)

“Un’immagine bellissima che dimostra come, per tantissime specie, il mare di Roma e’ un habitat accogliente che dobbiamo tutelare. Per questo voglio lanciare ancora una volta un messaggio importante: dobbiamo avere rispetto di tutte le forme di vita che popolano il nostro mare, assumendo comportamenti responsabili e prudenti”, commenta su Instagram postando il video la sindaca di Roma, Virginia Raggi.

Giornata Mondiale delle Tartarughe, in un anno salvati 20 esemplari

La natura del Litorale di Ostia regala ancora meravigliose sorprese“, spiega Alessandro Polinori, vicepresidente di Lipu BirdLife Italia e Responsabile Chm Lipu Ostia. “Dopo il primo avvistamento italiano di Albatro Beccogiallo dell’Atlantico, la consueta presenza di delfini e le tante specie nidificanti presso l’Oasi Lipu di Ostia, tra cui aironi rossi, fistioni turchi e cavalieri d’Italia, ora è la volta della Caretta caretta, con l’incredibile deposizione di uova sulla spiaggia libera di Ostia Ponente. Segnali incoraggianti che ci spingono ad impegnarci ancor più per far conoscere e rispettare la straordinaria biodiversità del nostro territorio”.

(Visited 41 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago