Salute

Ospedali, artista italiano trasforma i reparti in magici regni per dar sollievo ai pazienti

Condividi

Dipingere i reparti ospedalieri  per dare supporto e regalare un sorriso specie ai pazienti più piccoli. Il progetto Ospedali Dipinti ideato dall’artista Silvio Irilli. 

Delfini, tartarughe e stelle marine diventano protagonisti dei reparti ospedalieri per dare supporto ai pazienti, specie i più piccoli.  E’ l’idea del progetto Ospedali dipinti dell’artista Silvio Irilli che a partire dal 2012, decora oltre 15 ospedali dal nord al sud della Penisola, grazie al supporto di associazioni e privati che hanno donato agli ospedali le stanze decorate. 

Arte e riciclo, le opere di Ladybe: “Gli scarti possono avere un seconda vita”

“Amo trasformare i reparti ospedalieri in ambienti emozionali, perché il paziente non è solo un paziente. È soprattutto una persona”, spiega Silvio. L’artista ha dipinto, ad esempio, studi oculistici, uffici della reception, unità di radiologia o di chemioterapia, utilizzando stili diversi e ricreando degli scenari molto realistici, spesso ispirandosi ai cartoni animati e a paesaggi marini così da donare un sorriso ai bambini malati.

Color4action, oltre 50 street artists da tutto il mondo uniti contro il Covid-19

Per me significa dare un messaggio di benvenuto – ha spiegato Irilli a boredpanda.com – e anche un aiuto ai dottori che devono seguire il paziente e accompagnarlo durante la terapia. Ma la cosa più importante è dare un po’ di sollievo ai pazienti che devono affrontare un percorso durante il quale sono richiesti coraggio e dignità”. 

(Visited 60 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago