Roma e Dintorni

Un orto per combattere il degrado: piccoli gesti che fanno la differenza

Condividi

A volte per combattere il degrado cittadino bastano basta uno spicchio di terra. Come quello che ha visto la nascita di un orto didattico, nel giardino Lima a Fonte Laurentina. E’ un orto particolare perché è itinerante, si sposta di zona in zona di Roma, nei posti dove magari il verde scarseggia. Adesso è a via Fubini, guardato a vista da uno spaventapasseri fatto in casa.

L’orto è curato da Maurizo Romano, che guida l’associazione I Casali della Memoria e Enrico Maria Casini, detto Chetto, con il supporto della Proloco della zona.

Progetto HortoMio, torniamo ad un corretto rapporto con il cibo

Questo posto ha un nome strano, un nome speciale, si chiama Ortosauro,dedicato a una persona speciale che è venuta a mancare: Sauro, che dal Veneto si era trasferito per curare un brutto male. Aiutava i ragazzi di Fonte Laurentina, insegnava loro a fare le marmellate e li sosteneva economicamente nel creare questi orti urbani.

‘Buy bagless” così l’ortofrutta del supermercato diventa plastic free

Tra le magliette preferite di Maurizio ce n’è una che dice molto: “Keep calm ad fatti un orto”, una filosofia di vita. In tanti aiutano a portare avanti questo progetti.  Le mamme vengono con i bambini a curare il cui fine è anche quello di riqualificare un giardino dimenticato. “E’ da un mese e mezzo che l’ho preso in carico – racconta Chetto –  e ogni sera alle 19 lo vado a curare”.

Biodiversità, allarme frutta. In Italia sono scomparse 3 varietà su 4

E’ aperto ai contributi migliorativi di tutti: un modo per farlo entrare nelle vite dei residenti. Ed è anche una risposta concreta a quell’ambientalismo di facciata di quanti, magari, non sono disposti a sporcarsi le mani con iniziative concrete come questa.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago