AnimaliAttualità

L’Orso M49 si è svegliato dal letargo e si sposta verso l’Alto Adige

Condividi

Orso M49. L’arrivo delle temperature più miti ha svegliato l’orso M49 dal suo letargo.

“La notte scorsa – informa la Provincia di Trento – il plantigrado, uscito dal letargo, è stato avvistato poco prima di mezzanotte a Molina di Fiemme in direzione di Carano e Daiano, nel comune di Ville di Fiemme. L’avvistamento nel centro abitato – aggiunge – ha fatto attivare la squadra di emergenza dei forestali che, utilizzando i cani da orso, ha intercettato il plantigrado quando stava cercando di divorare un asino, facendolo allontanare sotto una forte nevicata. L’animale ferito è stato affidato alle cure di un veterinario”.

Ricordando che “l’orso M49 non è provvisto di collare”, l’assessore all’Agricoltura, Arnold Schuler ha chiesto la collaborazione di tutti i cittadini per segnalare la posizione dell’orso.

Animali, la popolazione di delfini è diminuita dell’80% a causa delle reti da pesca

A tale scopo è attivo il numero di reperibilità del Servizio forestale 366.6643887.

Animali, Shenzen è la prima città cinese a vietare il consumo di cani e gatti

L’assessore, ha poi invitato a “vigilare e adottare le misure di prevenzione“, in maniera particolare per coloro che si trovano negli insediamenti compresi in prevalenza tra Passo Lavazé, Passo Oclini e Redagno.

Animali, Strage di pesci: colpa della pesca illecita e senza regole

Coronavirus, migliaia di animali abbandonati in Cina per via dell’epidemia

Negli ultimi giorni M49 ha attraversato la Val di Fiemme, in Trentino, distruggendo un’arnia e ferendo un asino, e ha poi proseguito il suo spostamento verso l’Alto Adige in direzione di Passo Oclini e Malga Cugola, penetrato anche in alcune malghe poste nella zona del Vanoi ed in val Calamento, forzando porte e finestre e provocando danni all’interno.

Alla luce di tale comportamento, la Provincia di Trento ricorda che l’ordinanza del presidente Fugatti emessa lo scorso anno è tutt’ora valida.

 

 

Photo by Zdeněk Macháček on Unsplash

(Visited 80 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago