Attualità

Ora legale, Parlamento Ue approva la fine del passaggio dall’ora solare

Condividi

Ora legale. Il 30 marzo prossimo bisognerà tirare avanti di un’ora le lancette degli orologi per il passaggio dall’ora legale all’ora solare. Ma potrebbe essere una delle ultime volte: il Parlamento Europeo ha votato a favore dell’abolizione dell’ora legale nel 2021.  Gli stati membri dell’Unione manterranno però il diritto di decidere il proprio fuso orario.

Con 410 voti a favore, 192 contrari e 51 astensioni i deputati Ue hanno approvato la fine del passaggio dall’ora solare a quella legale ma hanno spostato la data al 2021.  Gli Stati membri manterranno il diritto di decidere il proprio fuso orario: i Paesi che scelgono di mantenere l’ora legale dovrebbero regolare gli orologi per l’ultima volta l’ultima domenica di marzo 2021, mentre quelli che preferiscono mantenere l’ora solare dovrebbero spostare gli orologi per l’ultima volta l’ultima domenica di ottobre 2021.

Ora legale fa male alla salute?

I deputati chiedono inoltre che i Paesi Ue e la Commissione coordinino le loro decisioni per garantire che l’applicazione dell’ora legale in alcuni Paesi e dell’ora solare in altri non perturbi il mercato interno. Nella risoluzione si afferma inoltre che la Commissione possa presentare una proposta legislativa per rinviare la data di applicazione della direttiva fino ad un massimo di 12 mesi, se ritiene che “le disposizioni previste possano pregiudicare in modo significativo e permanente il corretto funzionamento del mercato interno”.

(Visited 187 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago