Roma

#OperaUnesco, bel canto e opera lirica candidati a patrimonio Unesco

Condividi

Festa della Musica dedicata a #OperaUnesco.  Pecoraro Scanio con il Direttore del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, rilanciano l’appello per l’iscrizione de “Il Belcanto e l’Opera Lirica Italiana” a Patrimonio culturale dell’Umanità.

Il Presidente della Fondazione UniVerde, Alfonso Pecoraro Scanio, si è recato questa mattina al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia per rinnovare il sostegno alla prestigiosa istituzione, che con le sue collezioni è famosa in tutto il mondo, ed insieme al Direttore Valentino Nizzo hanno rilanciato la campagna #OperaUnesco, proprio sotto la statua di Apollo di Veio, la divinità protettrice delle muse, il Dio Cantore della cultura greco-romana.

In occasione della Festa della Musica che, come avviene in altri Paesi d’Europa si celebra nella giornata di oggi, il Museo Etrusco ha diffuso brani musicali nelle varie sale per allietare gli ospiti, e ha organizzato in serata il concerto della Banda della Marina Militare italiana.

Festa della musica di Roma, il 21 giugno tutta la città suona. Programma

Proprio in queste settimane, si sono aggiunti prestigiosi sostegni alla campagna che chiede la candidatura de “Il Belcanto e l’Opera Lirica Italiana” a Patrimonio culturale immateriale dell’Umanità, tra cui: il Direttore della rivista L’Opera, Sabino Lenoci; la classe di lirica del Teatro Regio di Torino; il Direttore del Conservatorio San Pietro a Majella, Carmine Santaniello, e l’Assessore alla Cultura del Comune di Napoli, Nino Daniele; il Direttore dell’Orchestra Notturna Clandestina di Roma, Enrico Melozzi, e Stefano Zago, Direttore di TeleAmbiente, e tante altre personalità.

Rave Clandestino, grande successo per la seconda edizione della maratona di musica classica

 

(Visited 122 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago