Consumo CriticoTerritorio

VETRALLA. FESTA DELL’OLIO D’OLIVA DELLA TUSCIA

Condividi

Olio D’oliva. “VisiTuscia? Sì V’olio”. Il 27, 28 e 29 ottobre torna a Vetralla la Festa dell’Olio Novello.

La manifestazione, giunta alla sua XVI^ edizione, è organizzata dall’Amministrazione Comunale di Vetralla e sostenuta dal Consiglio Regionale del Lazio, dalla Provincia di Viterbo, dal CAT Confesercenti Viterbo, dalla Camera di Commercio di Viterbo e dalla Pro Loco.
Tra gli eventi in programma, un momento di promo-commercializzazione dal titolo “VISITUSCIA SI…V’OLIO”, interamente dedicato al prodotto d’eccellenza, l’olio d’oliva.
La manifestazione vede gli operatori professionali italiani ed esteri confrontarsi su un tema specifico: l’Olio Extravergine d’Oliva DOP della Tuscia.
Al centro del focus, tutte le problematiche connesse alla produzione e vendita sui mercati nazionali ed esteri.
Altro momento significativo, l’Incontro-Dibattito “L’Olio Extravergine di Oliva: Re del Benessere e della Tavola” al quale parteciperanno esperti nutrizionisti, medici, marketing manager e docenti universitari della Facoltà di Agraria dell’Università della Tuscia di Viterbo.
Un’occasione per far conoscere il valore nutrizionale dell’olio di oliva come alimento per la salute.
Tante le conferenze in agenda come quella dal titolo “Agricoltura: una ricchezza per il territorio, una risorsa per il futuro” o “La lotta biologica alla mosca dell’olivo: i rimedi naturali ed i possibili trattamenti per la difesa dal parassita
Un programma molto ricco, che si completa con visite guidate al centro storico di Vetralla e presso i frantoi locali, l’allestimento di stand per l’esposizione e la vendita dell’Olio Novello, l’assaggio di bruschette e la degustazione di altri prodotti tipici locali.

Leggi il programma qui: Programma VisiTuscia Sì V’olio

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago