AttualitàScienza e Tecnologia

L’Ue vuole aprire ai nuovi Ogm ignorando oltre 200 studi scientifici

Condividi

Qualche giorno fa l’Ue ha annunciato di voler aprire agli OGM prodotti con nuove tecniche di gene-editing. Lo scorso 29 aprile infatti, la Commissione europea ha pubblicato uno studio sulle NBTs che sostiene che i nuovi OGM hanno un potenziale positivo per l’agricoltura europea che non può essere sottovalutato.

È bene che Bruxelles, sostiene lo studio, aggiorni la normativa dal momento che la direttiva sugli OGM del 2001 non copre adeguatamente i nuovi OGM e le tecniche di ultima generazione come il gene-editingmutagenesi diretta.

Parte del documento è basato sul parere dell’Easac, l’Accademia delle scienze europea che riunisce tutti gli enti nazionali, e che nel 2020 aveva ‘blindato’ i  nuovi OGM.

Secondo l’Easac, il consenso della comunità scientifica indica che gli organismi geneticamente modificati di nuova generazione non sono dannosi.

NO a OGM vecchi e nuovi! Il futuro dell’agricoltura è salvo? Ecco cosa accadrà

Ma le cose non stanno proprio così.

A replicare al documento sono ENSSER (European Network of Scientists for Social and Environmental Responsibility) e CSS (Critical Scientists Switzerland), due reti europee di scienziati.

ENSSER e CSS replicano al documento con 200 studi scientifici che sostengono che i nuovi OGM non sono sicuri, o che non esistono prove sufficienti e conclusive.

Biotech 2.0, accordo Coldiretti-Siga. Ogm sono il passato

La replica afferma in buona sostanza che gli studi effettuati “dimostrano che gli OGM esistenti non sono riusciti a fornire i benefici annunciati, come un controllo efficace di erbe infestanti e parassiti, resistenza alle malattie, tolleranza alla siccità, miglioramento del valore nutritivo e aumento delle rese”.

“Mostrano inoltre – si legge ancora – le conseguenze ecologiche ed economiche della contaminazione genetica, nonché gli effetti dannosi per gli agricoltori su piccola scala”.

Nello specifico, gli studi ignorati sul gene-editing “dimostrano che, contrariamente alle loro (dell’EASAC) affermazioni, le alterazioni genetiche causate da questi metodi sono fondamentalmente diverse dalle mutazioni naturali”.

(Visited 14 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago