Oceano, identificato il misterioso “oggetto” vicino al relitto del Titanic

Questo misterioso “oggetto”, individuato nel 1998, è in realtà una nuova barriera corallina ribattezzata “Nargeolet-Fanning Ridge”. 

È stato identificato il misterioso “oggetto” individuato nel 1998 vicino al relitto del Titanic, a 2.900 metri di profondità, nell’Oceano Atlantico. A risolvere l’enigma è stato lo staff di “Oceangate Expeditions“, una società di esploratori subacquei amanti delle immersioni nel pianeta Blu. Quello che, in un primo momento sembrava essere il rottame di un’altra nave, è in realtà un’inaspettata formazione vulcanica ricca di biodiversità. Ed ecco allora aragoste, spugne e pesci popolare i fondali di questa barriera corallina ribattezzata “Nargeolet-Fanning Ridge“, in onore dello specialista di immersioni Oisín Fanning.

Scoprire questo nuovo ecosistema offre anche l’opportunità di fare un confronto con la biologia marina sul Titanic e nei dintorni“, hanno commentato gli scienziati.

Proprio il celebre transatlantico sprofondò negli abissi il 15 aprile 1912 dopo una collisione con un iceberg. Il naufragio causò la morte di oltre 1.500 persone, inclusi i membri dell’equipaggio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da OceanGate Expeditions (@oceangateexped)

Articolo precedentePichetto Fratin: Su gas pronti a fare tutto il necessario. Cingolani? Solo un tecnico
Articolo successivoIl caso Memo Remigi, Jessica Morlacchi rompe il silenzio: “Ho provato un disagio enorme”