Inquinamento

Oceani, i satelliti della NASA saranno utilizzati per tracciare le masse di microplastica

Condividi

Scienziati dell’Università del Michigan hanno sviluppato un modo innovativo per utilizzare i dati satellitari della NASA per tracciare il movimento di minuscoli pezzi di plastica nell’oceano.

Le microplastiche si formano quando la spazzatura di plastica nell’oceano si rompe dai raggi del sole e dal movimento delle onde oceaniche. Queste piccole macchie di plastica sono dannose per gli organismi e gli ecosistemi marini. Le microplastiche possono essere trasportate a centinaia o migliaia di miglia di distanza dalla fonte dalle correnti oceaniche, rendendo difficile rintracciarle e rimuoverle. Attualmente, la principale fonte di informazioni sulla posizione delle microplastiche proviene dai pescherecci da traino che utilizzano reti per catturare il plancton e, involontariamente, le microplastiche.

Inquinamento, in mare ci sono più particelle di microplastica che plancton

La nuova tecnica si basa sui dati del Cyclone Global Navigation Satellite System (CYGNSS) della NASA, una costellazione di otto piccoli satelliti che misura la velocità del vento sopra gli oceani della Terra e fornisce informazioni sulla forza degli uragani. CYGNSS utilizza anche il radar per misurare le increspature dell’oceano, che sono influenzate da diversi fattori tra cui la velocità del vento e i detriti che galleggiano nell’acqua.

Plastica, i satelliti possono aiutare a rilevare i detriti galleggianti negli oceani

Lavorando a ritroso, il team ha cercato luoghi in cui l’oceano fosse più liscio del previsto data la velocità del vento, che pensavano potesse indicare la presenza di microplastiche. Quindi hanno confrontato quelle aree con le osservazioni e le previsioni dei modelli di dove le microplastiche si riuniscono nell’oceano. Gli scienziati hanno scoperto che le microplastiche tendevano ad essere presenti in acque più lisce, dimostrando che i dati CYGNSS possono essere utilizzati come strumento per tracciare le microplastiche oceaniche dallo spazio.

(Visited 23 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago