Attualità

GLI OCEANI CAMBIERANNO COLORE ENTRO LA FINE DEL SECOLO. COLPA DEL RISCALDAMENTO DELLE ACQUE

Condividi

Oceani. Gli oceani si preparano a cambiare colore: entro la fine del secolo la meta’ di essi e’ destinata a diventare sempre piu’ blu o piu’ verde a causa delle acque sempre piu’ calde. La temperatura piu’ alta modifica infatti la dimensione e le specie delle minuscole alghe che vivono sulla superficie degli oceani, determinandone il colore.

Lo indica la simulazione pubblicata sulla rivista Nature Communications dal gruppo del Massachusetts Institute of Technology (Mit) coordinato da Stephanie Dutkiewicz.

La simulazione indica che le regioni blu degli oceani, come quelle subtropicali, si impoveriranno delle minuscole alghe (fitoplancton) che li popolano adesso e diventeranno per questo ancora piu’ blu.

Anche le aree piu’ verdi, come quelle vicine ai poli, diventeranno di tonalita’ piu’ marcate perche’ le temperature piu’ calde favoriranno la proliferazione di nuove specie di fitoplancton.

Secondo Dutkiewicz, “se i cambiamenti climatici fanno spostare le comunita’ di microrganismi da una zona all’altra, questo avra’ conseguenze anche sulle reti alimentari”.

Per Roberto Danovaro, presidente Stazione Zoologica Anton Dohrn, con l’impoverimento del fitoplancton “diminuira’ il cibo disponibile per tutti i consumatori del mare, inclusi i pesci, con conseguenze negative anche in termini di risorse alimentari per l’uomo”, perche’ “attualmente quasi 1 miliardo di persone dipende quasi interamente dal cibo offerto dal mare“.

La colorazione degli oceani indotta dalle temperature piu’ calde dipende dal modo in cui la luce interagisce sia con l’acqua, sia con i microrganismi che vivono in essa: mentre le molecole d’acqua riflettono il blu, il fitoplancton riflette il verde.

La simulazione che ha indicato come cambieranno i colori degli oceani dimostra come i modelli numerici si stiano “evolvendo sempre piu'”, rileva Cosimo Solidoro, dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale (Ogs).

“Se fino a pochi anni fa era possibile prevedere solo i cambiamenti dei paramenti fisici degli oceani, come temperatura e salinita’, adesso – rileva – si cerca di prevedere anche le conseguenze dei cambiamenti fisici su struttura e composizione della componente vivente”.

(Visited 48 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago