ClimaInquinamento

Obiettivo sostenibilità, Itelyum e WeSchool insieme per promuovere l’economia circolare nelle scuole

Condividi

Parte il progetto nazionale Obiettivo Sostenibilità Scuole, patrocinato dal Ministero della Transizione Ecologica e realizzato da Itelyum, player nazionale per l’economia circolare, e WeSchool, principale player italiano della didattica digitale con 233.000 docenti e oltre 1 milione e 700 mila studenti a bordo.

A inaugurare il tour digitale, che attiva una sinergia tra il mondo della scuola e gli specialisti della sostenibilità, è stata la Sottosegretaria all’Istruzione, Barbara Floridia“Iniziative come “Obiettivo Sostenibilità Scuole”, organizzata da Itelyum con WeSchool, rappresentano occasioni preziose per affrontare il tema dell’educazione ambientale nelle scuole. La sostenibilità è un tema prioritario e la scuola è una infrastruttura culturale che deve servire per far comprendere a tutti, dai più giovani ai meno giovani, che i problemi e le tematiche ambientali devono essere affrontate in modo sistemico. Ben vengano, quindi, tutti i contenuti volti a dare strumenti utili a docenti e alle istituzioni scolastiche per promuovere la sostenibilità e l’economia circolare”.

Obiettivo Sostenibilità Scuole vuole portare nelle scuole secondarie di I e II grado i concetti e le pratiche dell’economia circolare, dell’innovazione digitale, ma anche dell’inclusione e della biodiversità.

Grazie alla partnership con WeSchool diventa possibile mettere in pratica una didattica innovativa su questi temi fondamentali, utilizzando strumenti e linguaggi adeguati.

Roma, al via il progetto 100 panchine in plastica riciclata. Ecco dove verranno installate

Sul portale educativo https://www.obiettivosostenibilitascuole.com/  è già disponibile un piano di lezioni e di attività da seguire, a disposizione di ogni classe.

È l’inizio di un percorso che comincia dalle scuole, ma ha l’ambizione di contribuire allo sviluppo di società più eque e sostenibili.

“Questo tour – spiega Marco Codognola, Amministratore Delegato Itelyum – raccoglierà progetti e visioni di scuole, enti e associazioni di diverse regioni, per costruire la miglior esperienza possibile da offrire ai protagonisti del nostro futuro: i giovani. Ognuno di noi ha il dovere di mettere a disposizione il proprio know how per costruire insieme la green society auspicata dal Green Deal europeo:  Itelyum qui rappresenta un modello di economia circolare in continua evoluzione, perché grazie alla ricerca, alla tecnologia e ai processi di digital innovation, punta a trasformare sempre più rifiuti in nuove risorse a disposizione dell’economia e della società”.

Legge italiana sull’agricoltura biologica, approvata finalmente in via definitiva dal Senato. Ecco cosa prevede

La prima tappa di Obiettivo Sostenibilità ha coinvolto Pavia: in primo piano gli studenti dell’ITIS G. Cardano che si sono confrontati con Stefano Ciafani, Presidente di Legambiente, e due importanti realtà per lo sviluppo e la tutela ambientale del territorio, Assolombarda e Arpa Lombardia.

“Stiamo vivendo un’epoca in cui gli scenari cambiano velocemente con uno sfondo di emergenza ambientale costante – ha dichiarato Stefano Ciafani, presidente di Legambiente – che vede la presenza dei rifiuti nell’oceano e nei mari, compreso il Mar Mediterraneo. Il rimedio è l’evoluzione verso un’economica circolare sana. Itelyum risponde a questa necessità e chiude il cerchio delle produzioni: occorrono infatti da una parte  comportamenti responsabili dei cittadini e dall’altro il contributo delle aziende che mettono in campo  soluzioni e tecnologia sostenibili.

(Visited 11 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago