Breaking News

NZEB, SI TROVA IN CAMPANIA L’EDIFICIO PIU’ “GREEN” D’ITALIA

Condividi

nZEB, si trova in Campania l’edificio più “green” d’Italia. Si trova in Campania, a Benevento, in un’area di proprietà dell’Università degli Studi del Sannio, l’edificio più “green” d’Italia.

È un edificio nZEB (nearly Zero Energy Building), una struttura sperimentale ad impatto energetico “quasi” zero.

Precursore di quelli che saranno in Italia a partire dal 31 dicembre 2020 tutti gli edifici di nuova costruzione.

Il cambiamento, se vogliamo, radicale, è già iniziato con gli edifici pubblici che dal 31 dicembre 2018 dovranno rispondere ai requisiti nZEB.

nZEB nasce come intervento dimostratore in scala reale del progetto di ricerca Smart Case, attuato dal Distretto tecnologico STRESS sotto il coordinamento scientifico del prof. Giuseppe Peter Vanoli del Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi del Sannio.

Circa 70 metri quadri di strategie progettuali orientate alla sostenibilità, alla riduzione dei consumi energetici, all’ottimizzazione del sistema involucro-impianti.

Ma la tecnologia nZEB non è solo ecosostenibile.

Grazie infatti alle più avanzate tecnologie domotiche, le case nZEB sono in grado di configurare un Living Lab tramite smartphone o tablet in grado di monitorare dettagliatamente le prestazioni energetiche e ambientali.

Tenere quindi sotto controllo quanto si sta consumando, gestire l’impianto di climatizzazione e illuminazione in funzione delle condizioni climatiche e delle previsioni meteo.

Ma anche gli elettrodomestici, interagiranno con l’ambiente circostante comunicando dati sui loro consumi.

Ma la Campania, non è l’unica Regione a compiere un passo avanti verso un futuro più verde e sostenibile.

 

Dal 1 febbraio scorso, lo storico cinema Odeon di Firenze, ha azzerato completamente le emissioni di CO2 nell’atmosfera, diventando così il primo cinema d’Italia 100% “green”.

Fino allo scorso anno infatti, l’Odeon ha prodotto e liberato nell’atmosfera circa 100 tonnellate di C02 ogni 12 mesi.

Una conversione, ottenuta senza alcun investimento e senza modificare gli impianti esistenti.

“Anche i consumi di gas metano adesso sono CO2Freee, ovvero le emissioni di CO2 dell’Odeon vengono compensate con progetti di risparmio energetico realizzati in altre parti del mondo” – ha spiegato Marco Catellacci, fondatore di Italia Rinnovabile.

 

Anche il Giappone inizia la sua conversione ecosostenibile.

Entro il 2041, nel cuore della città di Tokyo, sorgerà il primo grattacielo “green”. Il più alto al mondo.

350 metri di altezza. Oltre 70 piani di negozi, appartamenti e centri commerciali.

Il tetto – spiegano i progettisti, che vogliono trasformare “la città in una foresta” – sarà rivestito da uno spazio verde, la struttura in gran parte realizzata proprio in legno, ad eccezione di alcune parti in acciaio per garantirne la tenuta anche in caso di forte vento o terremoti.

(Visited 259 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago