Clima

Nuova Zelanda, forti piogge e allagamenti: dichiarato lo stato d’emergenza

Condividi

La regione del Southland in Nuova Zelanda ha dichiarato lo stato d’emergenza dopo che 60 ore piogge hanno causato frane e allagamenti in tutta la regione.

Una forte tempesta ha costretto migliaia di residenti nella South Island, una delle due isole che compongono la Nuova Zelanda, a lasciare le proprie case e bloccato i turisti nel fiordo di Milford Sound. La regione del Southland ha dichiarato lo stato d’emergenza dopo essere stata colpita da più di un metro di piogge in 60 ore, che ha causato frane e allagamenti.

Clima, nel 2019 oltre 100 miliardi di danni causati dai cambiamenti climatici

Le autorità hanno evacuato i residenti delle aree di Gore e Mataura mercoledì mattina dopo che il fiume Mataura ha iniziato a straripare e hanno dato il via ai preparativi per evacuare i residenti che vivono a Wyndham, a valle del fiume. “Abbiamo avvertito 6,000 persone in tutta la regione di prepararsi all’evacuazione” ha spiegato un portavoce dell’Emergency Management Southland. Ai residenti è stato detto di prendere medicinali, vestiti e documenti e poi dirigersi verso i terreni più elevati. La corrente nelle aree colpite è stata interrotta e sono stati preparati centri d’accoglienza nelle chiese e nelle scuole. Un’immagine postata su Twitter da Damien O’Connor, Ministro delle comunità rurali, mostra i danni subiti dalla città di Gore, con il fiume che è straripato e ha minacciato decine di case.

Eruzione Vulcanica in Nuova Zelanda, morti e dispersi VIDEO

Le piogge hanno colpito l’unica strada per Milford Sound, un sentiero famoso per gli escursionisti, e circa 200 persone sono state portate a Te Anau. I turisti stanno tutti bene. Il morale è alto e sono riusciti a mettersi in contatto con gli amici e le famiglie”. Solo due infortuni minori sono avvenuti quando una frana ha colpito un rifugio sul sentiero di Routeburn ma entrambe le persone sono state subito soccorse.

“Molte persone sono state evacuate dalle loro case, hanno subito danni alle proprietà” ha spiegato O’Connor, aggiungendo che si sta preparando a visitare la regione “abbiamo bisogno che le persone siano al sicuro, che ascoltino i consigli delle autorità e che si aiutino a vicenda”.

Nuova Zelanda, approvata una legge per ridurre a zero le emissioni di carbonio

Le squadre di polizia hanno visitato tutte le case per assicurarsi che nessuno sia rimasto indietro. Grandi parti di fattorie sono completamente sommerse e agli allevatori è stato detto di mettere al sicuro il bestiame. Secondo le autorità potrebbero volerci giorni prima il livello delle acque ritorni alla normalità.

(Visited 20 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago