Nucleare. È partito la scorsa notte dalla centrale nucleare di Caorso (Piacenza) e diretta all’impianto di Bohunice, in Slovacchia, per il trattamento e condizionamento, il primo dei 33 trasporti previsti per il trasferimento di circa 5.600 fusti, contenenti resine e fanghi radioattivi.

Sogin,  società di Stato incaricata del decommissioning degli impianti nucleari, ha così avviato la seconda e ultima fase del programma di trasferimento dei fusti all’impianto slovacco, la cui conclusione è prevista nel 2022.

I primi 162 fusti, sistemati in quattro container, sono stati allontanati su due mezzi stradali, sotto il controllo delle diverse Autorità preposte.

Le resine a scambio ionico e i fanghi, rifiuti radioattivi prodotti durante il pregresso esercizio della centrale, saranno sottoposti a incenerimento e condizionamento, con una riduzione del loro volume del 90% (130 mc rispetto all’iniziale volume di 1.290 mc).

Nucleare, Giappone annuncia rimozione combustibile fuso Fukushima nel 2021

Al termine del trattamento, i manufatti finali rientreranno a Caorso e saranno stoccati nei depositi temporanei del sito, pronti per il conferimento al Deposito Nazionale.

Il trasferimento di questi rifiuti, che in volume rappresentano circa il 70% di quelli stoccati oggi nel sito, consentirà di svuotare i 3 depositi temporanei per procedere al loro adeguamento agli attuali standard di sicurezza, senza così dover realizzare altre strutture di stoccaggio.

Nucleare, presentato in Francia il primo reattore a fusione

Inoltre, lo svuotamento dei tre depositi permetterà il riavvio e la velocizzazione del decommissioning dell’impianto, garantendo i più alti standard di sicurezza.

Una prima fase ha riguardato l’invio, nel giugno 2018, di 336 fusti per eseguire le “prove a caldo” dell’impianto slovacco, con la produzione di primi manufatti finali.

L’esito positivo delle prove ha consentito l’approvazione del piano operativo e l’autorizzazione alla spedizione e al trattamento dei restanti rifiuti previsti nel progetto.

Il valore complessivo delle attività di trasferimento e trattamento dei fusti radioattivi e di rientro dei manufatti condizionati e’ di 37 milioni di euro.

Articolo precedenteClima, i cambiamenti climatici sono responsabili di un aumento della violenza sulle donne
Articolo successivoAustralia, i delfini minacciati dall’inquinamento delle acque