Territorio

Nucleare, presentato in Francia il primo reattore a fusione

Condividi

É stato presentato in Francia il sito dove sorgerà il primo Iter, il primo di una serie di reattori a fusione nucleare che promettono di essere la fonte di energia del futuro.

Oggi a Saint Paul Lez Durance, nel Sud della Francia, è stato presentato quello che molti addetti ai lavori considerano il futuro nel campo della produzione di energia elettrica a basso costo e potenzialmente infinita.

Il diretore generale Bernard Bigot ha infatti annunciato il completamento dei lavori di genio civile per il reattore a fusione nucleare Iter: è un momento cruciale per il più ambizioso programma energetico al mondo.

Il momento è importante perché a questo punto possiamo cominciare ad assemblare la macchina“, dice l’ingegnere Sergio Orlandi, già direttore generale di Ansaldo Nucleare e dal 2013 direttore del dipartimento Ingegneria impiantistica e costruzioni del progetto Iter.

La macchina è il Tokamak, acronimo russo di epoca sovietica che indica una specie di gigantesca ciambella al cui interno gli scienziati sperano di riprodurre e addomesticare, sulla Terra, lo stesso processo che ha luogo in ogni istante nel Sole e nelle stelle.

Energia, Patuanelli: “Ue svincoli investimenti green da deficit Stati membri”

Le centrali nucleari dagli anni Cinquanta in poi usano la fissione, cioè la separazione degli atomi. L’Iter (International Thermonuclear Experimental Reactor) si basa invece sulla fusione degli atomi: il gas di idrogeno viene scaldato fino a 100 milioni di gradi, passa allo stato di plasma (definibile come il quarto stato della materia accanto a solido, liquido e gassoso), viene controllato da enormi magneti fino a che gli atomi si fondono liberando energia.

A differenza della fissione nucleare, la fusione è in grado di produrre almeno 10 volte più dell’energia immessa nel sistema per farlo funzionare. — spiega Orlandi —E se le scorie della fissione restano radioattive per 3.000 anni, quelle della fusione dimezzano i loro effetti in 12“.

Nucleare, Russia pronta a costruire nuove centrali insieme alla Serbia

Dell’idea di unire gli sforzi per realizzare la fusione nucleare a scopi pacifici parlarono Ronald Reagan e Mikhail Gorbaciov durante il vertice Usa-Urss di Ginevra del 1985. Mosca in piena epoca di perestrojka offrì di mettere a disposizione le sue conoscenze e i primi esemplari di Tokamak.

Nel 2005 Unione Europea, Svizzera, Stati Uniti, Russia, Cina, Giappone, India e Corea del Sud si sono trovati  d’accordo nello stabilire il sito
di costruzione del reattore Iter in Provenza, vicino a Aixen-Provence, dove la società francese di costruzioni Vinci ha fatto il suo annuncio.

La prossima tappa decisiva sarà, nel dicembre 2025, l’accensione del Tokamak e la prima produzione di plasma. Potrebbero passare altri decenni prima dell’utilizzo su larga scala di energia elettrica prodotta da centrali di tipo Iter, ma nelle ultime settimane si è molto parlato della fusione come del possibile prossimo salto di qualità tecnologico decisivo per il futuro dell’umanità, simile per importanza all’imminente avvento
dei computer quantistici.

Sostenibilità e Agenda 2030. Italia indietro su ambiente, povertà ed energia

Il premier britannico Boris Johnson, peraltro non noto per prudenza negli annunci, ha fatto scalpore lo scorso ottobre dicendo che “gli scienziati britannici stanno per creare reattori a fusione tascabili da vendere in giro per il mondo“. Circostanza non verificata, e resa più improbabile dalla Brexit che potrebbe rimettere in discussione la partecipazione della Gran Bretagna al progetto Iter.

Comunque, «nel frattempo le sfide tecnologiche poste dalla fusione sono talmente complesse che le soluzioni hanno ricadute nella vita di
tutti i giorni — continua l’ingegnere Sergio Orlandi —dai nuovi strumenti medici per la risonanza magnetica alle ricerche per la cura del
Parkinson o dell’Alzheimer»

Nucleare, come si smantella una centrale? La sfida della Germania

L’Italia ha un ruolo decisivo nel progetto Iter: le opere che le sono affidate hanno il più alto valore aggiunto, e i contratti affidati ad aziende come Angelantoni Test Technologies (ATT), ASG Superconductors o Ansaldo Nucleare superano in totale 1,2 miliardi di euro.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago