Il Comune Soriano nel Cimino, insieme a molti altri del viterbese, è stato inserito nella mappa dei siti che potrebbero ospitare il Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi italiani.  “Sarebbe un duro colpo per il turismo della zona”, intervista a Fabio Menicacci, sindaco Comune Soriano nel Cimino. A cura di Alessandro Di Liegro.

Le aree “potenzialmente idonee” indicate nella Cnapi, la mappa con i siti potenzialmente idonei per il deposito dei rifiuti radioattivi resa pubblica la scorsa settimana, sono così ripartite: 8 in Piemonte, 2 in Toscana, 22 nel Lazio, 12 in Basilicata, 4 in Basilicata/Puglia, 1 in Puglia, 14 in Sardegna e 4 in Sicilia.

Nel Lazio sono tutte collocate nel Viterbese: Ischia di Castro, Canino, Cellere, Montalto di Castro, Tessennano, Tuscania, Arlena di Castro, Piansano, Tarquinia, Soriano nel Cimino, Vasanello, Vignanello, Gallese, Corchiano.

Nucleare, Puglia e Basilicata fronte comune contro il deposito nazionale

All’incontro, in videoconferenza, con l’assessore regionale al Ciclo dei Rifiuti Massimiliano Valeriano, Fabio Menicacci, sindaco Comune Soriano nel Cimino, ha riportato il suo no, e quello di tutta la cittadinanza, al Deposito dei Rifiuti Nucleari. “Non è la logica del giardino – dice Menicacci – ma dai piani che ci hanno illustrato, e dalle aree scelte, la struttura andrebbe a interessare falde acquifere, a pochi passi da una faggeta patrimonio dell’Unesco. Sarebbe un duro colpo per il turismo della zona”. A protestare più duramente i sindaci di Tarquinia e Montalto Di Castro, quest’ultima già interessata dalla presenza dell’ex centrale nucleare.

Il nostro è un territorio in cui sono presenti neoplasie, abbiamo avuto il radon e l’acqua all’arsenico. Individuare in questa zona il 45% delle aree smeraldo (quelle con più “probabilità” di ospitare il Deposito, ndr) non è una scelta saggia”.

Nucleare, le aree candidate per deposito rifiuti radioattivi. Pecoraro: “Molti siti proposti sono in aree Unesco”

Ora tra 55 giorni la scelta dell’area che ospiterà il Deposito: “Dopo 20 anni di attesa avrebbero potuto allungare il tempo della consultazione pubblica. Abbiamo chiesto che attraverso il milleproroghe di allungare di altri 60 giorni i termini per la presentazione delle controdeduzioni delle località interessate” conclude Menicacci.

Articolo precedenteAmazzonia a rischio! Gli esperti: “Di questo passo nel 2064 sarà sparita”
Articolo successivoTerra dei Fuochi, donate 101 telecamere di Videosorveglianza a Giugliano e Caivano