Attualità

Incendio a Notre Dame, Parigi. Crollano guglia e tetto VIDEO

Condividi

Notre-Dame in fiamme: un maxi incendio è esploso nella cattedrale di Parigi, che è stata evacuata. Completamente collassato il tetto. Il rogo intanto si è propagato ad una delle due torri iconiche rettangolari del monumento.  La procura di Parigi ha aperto un’inchiesta per determinare le cause dell’incendio. Inoltre, il comune della capitale francese ha aperto un’unità di crisi presso l’Hotel de Ville. (Ansa)

Nel settembre del 2017 Notre Dame rischiava già di sbriciolarsi, e non a causa di un incendio. Gargoyle e statue perdevano pezzi di continuo. Che direbbe Victor Hugo vedendo lo stato di abbandono della cattedrale celebrata in Notre Dame de Paris? Ecco il perchè.

A causa dell’inquinamento ed il crescente turismo di massa  (dai 12 ai 14 milioni di ospiti l’anno), la cattedrale stenta a reggere il peso dei suoi  850 anni, con pezzi di pietra delle antiche statue e dei celebrati gargoyle che hanno letteralmente creato dei depositi al suolo. Funzionari della cattedrale, che assicurano che il monumento è tuttora sicuro per i visitatori, raccontano di aver creato un vero e proprio “cimitero di pietra” con i pezzi che cadono.

Nel maggio scorso, lo Stato Francese e la diocesi hanno firmato un’intesa mirata ad avviare un piano di restauro ventennale, che dovrà portare importanti interventi anche alla guglia e, in seguito, al capocroce e al transetto, all’interno. La stima di spesa complessiva è dell’ordine dei 150 milioni di euro. Per arrestare quella che rischia di diventare una vera e propria caduta in pezzi di uno dei capolavori assoluti del gotico francese l’arcivescovo, il cardinale André Vingt-Trois, ha avviato una campagna di crowdfunding, con l’obiettivo di raccogliere 100 dei 150 milioni di euro che serviranno per il completo restauro dell’opera.

 

(Visited 1.418 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago