AttualitàVideo

#NonCiFermaNessuno, il tour di Luca Abete porta il tema della sostenibilità nelle università italiane

Condividi

“Nell’anno della pandemia e del contagio noi concepiamo solo esclusivamente un virus, quello del coraggio che cerchiamo di diffondere in queste tappe”. Intervista a Luca Abete, inviato di Striscia la Notizia e ideatore del tour #NonCiFermaNessuno. Con Corepla anche il tema della sostenibilità presente nelle tappe del tour in 10 università italiane.

GUARDA TUTTA L’INTERVISTA  A LUCA ABETE, IDEATORE DEL TOUR #NONCIFERMANESSUNO

Lo scorso 16 marzo è ripartito con successo il tour motivazionale #NonCiFermaNessuno, 10 incontri nelle scuole e università italiane per tre mesi, ideato da Luca Abete, inviato di Striscia La Notizia. Giunto alla settima edizione, dopo un anno di sosta dovuto alla pandemia, il tour torna in una versione online attraverso i digital talk. Il claim  di quest’anno è “CONTAGIAMOCI di CORAGGIO”.

“L’obiettivo di questo tour è stimolare i ragazzi ad avere più fiducia in se stessi, a non aver paura delle sconfitte e degli ostacoli. Parlare per una volta non di successo ad ogni costo ma di sconfitte utili, se ben gestite, a crescere. – ci spiega Luca Abete Un qualcosa di importante specie in questo momento in cui i ragazzi si sentono spaesati. Molti studenti che hanno cominciato l’università nel 2020 non hanno mai visto un’aula o seguito un corso dal vivo. Un disagio che cechiamo di alleviare con un talk show in streaming che cerca di restituire un po’ di coraggio. Nell’anno della pandemia e del contagio noi concepiamo solo esclusivamente un virus, quello del coraggio che cerchiamo di diffondere in queste tappe”

La campagna sociale #NonCiFermaNessuno ha ricevuto importanti riconoscimenti istituzionali. Nel 2017 è stata attribuita la Medaglia del Presidente della Repubblica ed il Patrocinio del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e nel 2021 il prestigioso Patrocinio della Conferenza dei Rettori delle Università (Crui).  Luca Abete è stato inoltre insignito del titolo di Professore ad honorem dall’Università degli Studi di Parma in “linguaggio del giornalismo”.

Coreplay, anche la scuola si mette in gioco per salvare l’ambiente

In ogni tappa del tour al centro anche il tema della sostenibilità. Per sensibilizzare i giovani su questa tema viene presentato il video “Lasciati contagiare dal coraggio di cambiare le cose”, realizzato da Corepla, Consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica.

“Noi parliamo di crescita personale se siamo in armonia con noi stessi ma anche con l’ambiente circostante. In questo percorso avviato sette anni fa abbiamo sempre una finestra sul rispetto dell’ambiente. Con Corepla abbiamo messo in campo delle iniziative bellissime, come Call for ideas, un contest per mettere in campo delle idee vincenti di riciclo della plastica. – spiega Luca – La plastica non è un problema, o meglio, è un problema se mal gestita, e con Corepla stiamo cercando in questo tour di portare una campagna di sensibilizzazione per far capire che la plastica non ha le gambe per arrivare in mare a differenza dell’essere umano, è lui il colpevole non la plastica in sé. Il video che mostriamo nelle varie tappe ai ragazzi mostra come dalla plastica posso nascere oggetti di uso comune. La filiera del riciclo delle materie prime può attivare un’economia importante e aprire prospettive lavorative per gli studenti“. 

Corepla premia i vincitori della terza edizione di ‘Call for Ideas’ per il recupero della plastica

Quest’anno un’altra novità per il tour con il Premio #NonCiFermaNessuno. “Ho pensato di premiare le storie legate ad uno studente o all’ambiente universitario. Storie di ragazzi che hanno messo una carica ed energia non solo agli altri giovani ma anche a me che non lo sono più“. 

(Visited 147 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago