Home Cultura ‘Non sono ancora capace a disegnare’, lo spettacolo al Salone Margherita

‘Non sono ancora capace a disegnare’, lo spettacolo al Salone Margherita

non sono ancora capace a disegnare spettacolo Salone Margherita Roma

Uno spettacolo di Maigret & Magritte, in collaborazione con S.C.D.U Neuropsichiatria infantile, O.I.R.M. e A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino.

Non sono ancora capace a disegnare‘ approda a Roma: appuntamento sabato 28 gennaio, alle 18.30, al Salone Margherita (via dei Due Macelli, 75). Lo spettacolo è realizzato dall’associazione Maigret & Magritte, in collaborazione con S.C.D.U Neuropsichiatria infantile, O.I.R.M. e A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino. Al termine dello spettacolo, ospitato al Salone Margherita dalla Banca d’Italia, sarà possibile confrontarsi con gli operatori del servizio di neuropsichiatria infantile sulle tematiche proposte dalla rappresentazione. Si consiglia la prenotazione a questo link.

Il cast

Scritto da Emilio Locurcio e diretto da Stella Sorcinelli e Emilio Locurcio, ‘Non sono ancora capace a disegnare‘ è interpretato da Alessandra Monforte, Chiara Davico, Nicoletta Spagna, Francesca Torta, Greta Vallero, Sara Viola, Donata Notari, Loris Della Pepa, Martina Casabianca, Francesca Padovano, Lucia Oreglia e Camilla Iacobone. Accompagnamento musicale di Olivia Buttafarro e Floriana D’Andrea.

Lo spettacolo

Una gita dentro alcune grotte in una vallata delle alpi francesi, dove sono custoditi importanti graffiti paleolitici.
Questa è la storia immaginaria. Un gruppo di giovani che lavorano in un ospedale, nel reparto di neuropsichiatria infantile. Questa, invece, è la storia reale. Sono in vacanza, si godono il piacere di
un’avventura spensierata, lontani dal dolore dei loro piccoli pazienti. Prima, in mezzo alla neve, c’è la gioia di stare insieme. Dopo, durante la discesa nelle grotte immerse nel buio, c’è
lo stupore di scoprire cosa e come disegnavano i nostri antenati sulla roccia e perché avessero bisogno di farlo.
Un dialogo tra vita presente e vita primordiale, una lotta tra luce e oscurità, alla ricercadi un equilibrio precario ma almeno sostenibile…

Articolo precedenteReport Rai3, questa sera tra i temi decarbonizzazione trasporti e impatto ambientale delle navi
Articolo successivoBaiardo: “Messina Denaro non ne ha per molto. Ho visto l’agenda rossa di Borsellino”