AttualitàSalute

Nipah, nuova epidemia in India: morto un 12enne

Condividi

Il virus Nipah torna a colpire. In India, al momento, è in corso una nuova epidemia: un 12enne contagiato è morto nello Stato del Kerala.

Il virus Nipah torna a colpire in India, a due anni di distanza dall’ultima epidemia. Nello Stato del Kerala, già devastato dal Covid, un 12enne contagiato è morto. Lo ha reso noto la ministra alla Salute del Kerala, Veena George. Già scattato il tracciamento dei contatti, circa duecento persone, di cui venti tenute sotto stretta osservazione. Ci sono anche due operatori sanitari, venuti a contatto con l’adolescente ucciso dal virus, che mostrano i sintomi.

Lingua blu negli allevamenti in Sardegna: 205 focolai, oltre 57mila contagi e 255 animali morti

L’allerta sanitaria è stata lanciata per i distretti di Kozhikode, Malappuram e Kannur. Il Nipah,un virus di natura zoonotica, che causa un’infiammazione cerebrale o difficoltà respiratorie, è stato identificato dagli scienziati per la prima volta in Malesia, alla fine degli anni 1990, in un allevamento di suini. In India ci sono stati episodi di Nipah nel Bengala Occidentale, nel 2001 e nel 2007, e più recentemente, proprio in Kerala, nel 2018 e nel 2019. Una ricerca incrociata dei due più prestigiosi istituti indiani, l’Indian Council of Medical Research e il National Institute of Virology ha identificato il virus in campioni di saliva di pipistrelli.

Inquinamento, lo smog riduce di 9 anni l’aspettativa di vita di un miliardo di persone in tutto il mondo

Il Nipah compie il salto di specie in due modi principali: quando l’uomo viene a contatto con suini infetti o quando consuma linfa di palma che, spesso, viene contaminata dai pipistrelli, serbatoi naturali del virus.

(Visited 35 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago