Home Attualità Animali Nina, liberata la femmina di cinghiale intrappolata in un fosso: come sta...

Nina, liberata la femmina di cinghiale intrappolata in un fosso: come sta ora

Finalmente liberata, dopo tre mesi, la femmina di cinghiale che era rimasta intrappolata in un fosso a Trevignano Romano. Nina, questo il nome dato all’animale dai volontari che si erano presi cura di lei, avrà però delle conseguenze per la salute.

Dopo tre lunghissimi mesi, Nina è tornata libera. La femmina di cinghiale, rimasta intrappolata in un fosso a Trevignano Romano, è stata finalmente liberata. A darle il nome sono stati i volontari che si erano presi cura di lei. La situazione era stata denunciata dall’associazione Animalisti Italiani, che si erano occupati anche di effettuare un sopralluogo, tentativi di salvataggio e richieste di intervento al Comune.

Trevignano, cinghiale bloccato da tre mesi in un fosso: istituzioni assenti, a prendersene cura solo i volontari

Alla fine, la sindaca di Trevignano Romano, Claudia Maciucchi, con una disposizione in via eccezionale, ha autorizzato il recupero del cinghiale senza l’abbattimento. Animalisti Italiani ha ringraziato l’intervento della sindaca e dell’amministrazione comunale e ha fornito anche dettagli sulle condizioni di Nina dopo la prima visita veterinaria: “Sta meglio, anche se un forte stato infiammatorio coinvolge l’occhio destro e l’orecchio. Potrebbe non riacquistare la vista da quell’occhio, ma adesso è curata e assistita in un rifugio“.

Previous articlePogacar vince in maglia gialla la 17^ tappa del Tour
Next articleLa Commissione Ue svela il pacchetto Clima, -55% CO2 entro il 2030