Attualità

NEVE SUL SAHARA, SPETTACOLO ALL’EQUATORE. VIDEO

Condividi

Neve Sahara. Il clima pazzo di questi giorni non ha risparmiato il deserto con una nevicata che rende tutto più magico.

Le particolari condizioni meteorologiche di questi giorni hanno portato nevicate sul deserto nord africano e sabbia sul Mediterraneo. Una tempesta di neve  ha coinvolto le dune sabbiose del deserto a ridosso della piccola località di Ain Sefra, in Algeria, conosciuta come la “Porta del Deserto”.

La nevicata avrebbe raggiunto i 30/40 cm. A dicembre 2016 si era avuto l’ultimo evento nevoso nella stessa zona con circa 80 cm di neve. L’evento fu considerato eccezionale, ma ora è accaduto di nuovo. Vedi video: https://youtu.be/u6Vig7FWW6c

Solitamente qui le temperature oscillano tra i 6 e i 12 gradi ma possono anche scendere sotto lo zero, com’è accaduto in questi giorni. Mentre in Italia il caldo anomalo, tipico dei paesi nordafricani, investe le città da Nord a Sud, il freddo si è trasferito nel Sahara. “Il fenomeno è stato causato dall’aria fredda che è stata spinta verso sud nel Nord Africa durante il weekend a causa dell’alta pressione sull’Europa. Alta pressione significa che il tempo freddo si è esteso verso sud oltre il normale”, ha spiegato il portavoce del Met Office all’Independent.

Le dune ricoperte di neve ancora per una volta a distanza di poco tempo sono uno degli esempi più eclatanti del cambiamento climatico in atto.

(Visited 470 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago