Attualità

NEVE A ROMA, SCUOLE CHIUSE OGGI 27 FEBBRAIO. TRASPORTI RALLENTATI. AGGIORNAMENTI

Condividi

Neve a Roma. Lo ha annunciato il Campidoglio al termine di una riunione di giunta: scuole chiuse a Roma anche domani. Allerta non per neve ma per rischio di formazione del ghiaccio sulle strade.

“Resteranno chiuse anche domani, martedì 27 febbraio, le scuole di ogni ordine e grado, compresi gli asili nido, sul territorio di Roma. È quanto previsto in un’ordinanza sindacale firmata oggi. Lo rende noto il Campidoglio. Il provvedimento si è reso necessario dopo i bollettini diffusi oggi dalla Protezione civile regionale: previste gelate molto intense e un forte abbassamento della temperatura che proseguiranno anche nella giornata di domani”. Questo il comunicato ufficiale.

A preoccupare non è il pericolo neve ma il  rischio di formazione del ghiaccio sulle strade dovuto al calo delle temperature. Il Campidoglio invita anche a limitare gli spostamenti.   “Siamo al lavoro per garantire la percorribilità delle strade a fronte della nevicata eccezionale che ha interessato questa notte la Capitale. Si invitano i cittadini a limitare i propri spostamenti allo stretto necessario”, ha scritto su Facebook l’assessore all’Ambiente di Roma Pinuccia Montanari.

Il ministro dell’Istruzione Fedeli ha commentato la chiusura delle scuole di oggi: “La competenza non riguarda noi, ma i Comuni sulla base delle indicazioni della Protezione civile”.

In campo l’Esercito per togliere la neve dalle strade di Roma. A disporlo il Dipartimento della Protezione Civile al termine del Comitato Operativo nel corso del quale é anche stato deciso di attivare il volontariato della Regione per assistere i viaggiatori bloccati in alcune stazioni della capitale. Il Dipartimento della Protezione Civile risponde al vice sindaco di Roma Luca Bergamo secondo il quale “non è stato il comune a chiedere l’intervento dei mezzi dell’Esercito”.

A causa della neve restano chiusi Colosseo, Fori Imperiali e Palatino.

Situazione trasporti. A Fiumicino è “ripresa la piena operatività, con tutte le tre piste funzionanti”. Lo annuncia Adr, spiegando che “questo consente allo scalo di accogliere voli dirottati anche da altri aeroporti dove le condizioni di maltempo sono negative, come Napoli.

Circolazione ferroviaria ancora fortemente rallentata nel nodo di Roma e sulle linee che afferiscono alla Capitale. Lo riferisce in una nota FS, assicurando che i clienti di Trenitalia che hanno rinunciato al loro viaggio sui treni della lunga percorrenza hanno diritto al rimborso integrale del biglietto. Anche a chi è giunto a destinazione con un ritardo superiore alle tre ore, Trenitalia riconoscerà il rimborso integrale del biglietto, anziché l’indennità del 50% prevista dalle norme Ue.

Il Campidoglio ha deciso di aprire i varchi delle zone a traffico limitato, varchi che dunque non saranno attivi. Fine per il divieto di circolazione per i mezzi pesanti a Roma e provincia, entrato in vigore ieri dalle 22 per l’allerta neve e gelo. 

Anche sotto il manto candido Ostia Antica è bellissima; ma passeggiare sul ghiaccio e sotto alberi carichi di neve può presentare rischi. Per questo la direzione del parco archeologico ha disposto la chiusura al pubblico di Ostia antica per il 27 febbraio 2018

Situazione meteo nei prossimi giorni. In arrivo giovedì una nuova perturbazione dalla Spagna che porterà neve al Nord e nelle zone interne del Centro. “Sono possibili fiocchi – spiega il meteorologo di 3bmeteo.com Francesco Nucera – anche a Roma, dove gli accumuli potranno registrarsi solo all’inizio, dato che la sovrapposizione di una massa d’aria calda sul ‘cuscinetto gelido’ porterà pioggia”. Precipitazioni più consistenti in Toscana, mentre nelle Isole maggiori, a causa di correnti miti dal Nord Africa, le temperature saliranno a 18-20 gradi.

 

 

(Visited 215 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago