Un rapporto della coalizione di ong Break Free from Plastic dimostra che i supermercati europei stanno facendo davvero poco per combattere l’utilizzo di plastica come imballaggi

Nei supermercati europei si usa ancora tantissima plastica per imballaggi nonostante i marchi della grande distribuzione si presentano come paladini della lotta per il clima. È quanto emerge da un rapporto pubblicato dalla coalizione di ong ambientaliste Break Free from Plastic.

Il lavoro ha preso in esame i supermercati di 13 Paesi (tra cui, però, nessuno italiano). Ciò che è emerso è che il punteggio medio raggiunto dai supermercati in merito alla riduzione della plastica è di soli 13,1 punti su 100.

Questo perché la presenza di plastica nei supermercati esaminati è ancora assai elevata. Peggio: invece di impegnarsi ad eliminare gli imballaggi in plastica dai propri prodotti si impegnano solo a far passare il messaggio che si sta lavorando per combattere l’utilizzo della plastica. Insomma, un greenwashing comunicativo che però non trova riscontro in nessun modo nella realtà.

La lista dei peggiori supermercati d’Europa

Le ong che hanno condotto la ricerca e redatto il report hanno anche presentato una classifica dei peggiori supermercati in termini di strategie di riduzione della plastica.

Ciò che si nota è che spesso gli stessi marchi si trovano in posizioni diverse da Paese a Paese.

Tra coloro che hanno ottenuto un punteggio sotto la media del 13,1% troviamo:

  • Lidl (in Austria, Portogallo, Spagna)
  • Aldi (Nord) in Portogallo
  • Tesco in UK e Irlanda
  • Auchan in Portogallo e Ucraina
  • El Corte Inglès in Spagna
  • Metro in Germania
  • Edeka (Germania)
  • Netto (Germania)
  • Kaufland nella Repubblica Ceca
  • Dagofra in Danimarca

Ma ci sono anche supermercati che hanno ottenuto un punteggio pari a 0. Eccoli:

  • Penny in Repubblica Ceca
  • Tesco in Repubblica Ceca
  • Coop in Repubblica Ceca
  • Billa in Repubblica Ceca
  • Cora in Belgio
  • Intermarché in Portogallo
  • Carrefour in Spagna
  • Metro in Ucraina
  • Leclerc in Francia
  • Maxima in Estonia
  • Prisma in Estonia
  • Selver in Estonia
  • Musgrave in Irlanda
  • Dunnes Stores in Irlanda

 

Articolo precedenteAllarme Po, siccità e salinità mettono in crisi in Nord Italia
Articolo successivoCosa cambia con l’approvazione della legge su Km0 e filiera corta?