Scienza e Tecnologia

ITALIA, I CONVOCATI DI VENTURA PER LA SVEZIA

Condividi

Roma. Sono 27 i giocatori convocati dal tecnico Gian Piero Ventura in vista dello spareggio contro la Svezia per accedere ai Mondiali di Russia 2018. Sopresa Jorginho, rientra tra i convocati anche Zaza.

Portieri: BUFFON, G.DONNARUMMA, PERIN.

Difensori: ASTORI, BARZAGLI, BONUCCI, CHIELLINI, D’AMBROSIO, DARMIAN, RUGANI, SPINAZZOLA, ZAPPACOSTA.

Centrocampisti: BERNARDESCHI, CANDREVA, DE ROSSI, EL SHAARAWY, FLORENZI, GAGLIARDINI, INSIGNE, JORGINHO, PAROLO, VERRATTI.

Attaccanti: BELOTTI, EDER, GABBIADINI, IMMOBILE, ZAZA

Tra poco meno di una settimana  l’Italia volerà a Stoccolma per affronterà la Svezia nel match d’andata degli spareggi per Russia 2018. Domani il tecnico Gian Piero Ventura diramerà la lista dei convocati per il doppio impegno (il ritorno si disputerà a Milano il 13 novembre). La settimana europea ci ha dato indicazioni importanti sulla condizione di alcuni giocatori titolari e non della Nazionale.

Il blocco Roma sembra essere quello che funziona meglio: la vittoria contro il Chelsea di martedì sera ha regalato un sorriso anche a Ventura. Florenzi sembra aver smaltito del tutto il brutto infortunio, partita perfetta la sua contro i blues sia in fase difensiva che offensiva. Un jolly troppo prezioso per lasciarlo in panchina in vista degli spareggi. Ottima prova anche di Daniele De Rossi, out nelle ultime uscite azzurre per infortunio. Sta vivendo un momento magico Stephan El Shaarawy;  splendida la doppietta contro il Chelsea e gol decisivo in campionato che ha regalato la vittoria contro il Bologna. L’italo-egiziano spera in una maglia da titolare, molto dipenderà dal modulo che Ventura ha in mente per affrontare gli svedesi. Ma uno così adesso è difficile lasciarlo in panchina.

Buone risposte arrivano anche da Napoli nonostante il brutto ko interno contro il Manchester City. Lorenzo Insigne è stato il migliore in campo dei suoi; un gol, una traversa, una prova da leader. La Nazionale ha bisogno del talento puro di Insigne, talento che si è visto a intermittenza con la maglia italiana. Adesso è arrivato il momento di dimostrarlo!

Prestazione sottotono per Buffon e Chiellini, come per tutta la Juve d’altronde. Entrambi hanno qualche responsabilità di troppo sul gol subito contro lo Sporting. Prova invece sufficiente come sempre per Andrea Barzagli, l’ultimo baluardo a mollare sia con la Juventus che con la Nazionale.

Sembra aver ritrovato lo spirito giusto Leonardo Bonucci. Dopo la squalifica di due turni in campionato, il centrale del Milan ieri ha giocato titolare ad Atene in Europa League. Partita diligente la sua, nessuna sofferenza in fase difensiva e buone iniziative in quella offensiva.

Arrivano ancora buone notizie a centrocampo per Ventura. Parolo pur giocando i cinque minuti finali di Lazio-Nizza ha propiziato su angolo l’autogol dei francesi che ha regalato vittoria, qualificazione e primato ai biancocelesti in Europa League. Marco Verratti è andato in gol nella goleada del Psg contro l’Anderlecht in Champions.

90 minuti in campo per Matteo Darmian nella vittoria dello United contro il Benfica. 90 minuti anche per Spinazzola in Europa League, prestazione un po’ sorniona la sua, sembra non essere lo stesso giocatore della passata stagione. Appena 20’ minuti per Zappacosta contro la Roma. Il suo ingresso non è però risultato decisivo ai fini del risultato.

Le buone notizie per la Nazionale arrivano anche da chi non ha giocato in questi tre giorni di coppe. Ciro Immobile è stato tenuto a riposo da mister Inzaghi, il “Gallo” Belotti ha recuperato dal suo infortunio e si candida per una maglia da titolare contro la Svezia.

(Visited 89 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago