Roma

National Geographic Festival delle Scienze, Roma. Come un’idea può dare origine a un’invenzione

Condividi

National Geographic Festival delle Scienze, Roma – XIV edizione  all’Auditorium Parco della Musica, dall‘8 al 14 aprile. Quest’anno il Festival è dedicato all’Invenzione’ 40 incontri e oltre 300 attività didattiche per i più giovani: coding, robotica, spazio, acceleratori di particelle in realtà virtuale, strumenti musicali realizzati con materiali di riciclo e vulcani. 8 mostre  su: invenzioni italiane, universo, rapporto tra scienza e fumetti, Terra e ambiente.

L’Invenzione, intesa come creazione e introduzione per la prima volta di un concetto, un’idea, una teoria, una tecnologia, è un aspetto fondamentale della scienza, della filosofia o dell’arte, e, insieme all’imitazione, all’innovazione e alla scoperta, costituisce il principale motore del progresso della conoscenza.

Greta Thunberg a Roma il 19 aprile con i ragazzi di Fridays For Future

Villaggio per la Terra, Roma. Tutti gli eventi in programma il 22 Aprile

Il National Geographic Festival delle Scienze, alla sua XIV edizione, affronterà l’invenzione a tutto tondo, tentando di rispondere ad alcune grandi domande: come nasce un’idea e come può dare origine a un’invenzione? Quali sono le principali invenzioni che hanno cambiato la storia dell’umanità? Quali sono le invenzioni del futuro che possiamo immaginare? Le invenzioni possono nascere per caso?
Tutto ciò avviene nell’anno in cui ricorrono tre importanti anniversari: i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, figura eclettica e geniale, Leonardo ha anticipato di molti anni idee, invenzioni e realizzazioni in tutti i campi in cui si è cimentato; il 50° anniversario del primo allunaggio dell’Apollo 11, che certamente rappresenta una delle più straordinarie avventure che l’uomo è riuscito a portare a compimento con successo grazie alla sua capacità inventiva; e i 150 anni dall’invenzione della Tavola periodica degli elementi da parte di Dmitrij Mendeleev, un capolavoro della scienza che ha consentito non solo di classificare gli elementi chimici allora noti, ma addirittura di prevedere l’esistenza di altri elementi, effettivamente poi scoperti.

Roma, arriva la E-PARADE. 12 aprile, giro eco-friendly sul circuito dell’Eur. INFO

Formula E, 13 Aprile 2019 la seconda edizione del Roma-E Prix

Il Festival continua a crescere e, grazie al contributo scientifico dei principali Enti di Ricerca nazionali e delle Università, e alla partecipazione delle Biblioteche Civiche e dei Musei Scientifici di Roma, nonché di varie imprese, ricostruisce con oltre 40 sedi e propone così al suo pubblico una mappa straordinariamente ricca della conoscenza scientifica e tecnologica della Capitale del Paese.

All’interno degli spazi dell’Auditorium Parco della Musica, oltre 40 incontri e più di 300 attività didattiche avvicineranno i più giovani al mondo della scienza: dal coding alla robotica, dall’esplorazione dello spazio agli acceleratori di particelle in realtà virtuale, dagli strumenti musicali realizzati con materiali di riciclo alla scoperta dei vulcani. Inoltre, 8 mostre dedicate alle invenzioni italiane, all’universo, al rapporto tra scienza e fumetti, alla Terra e all’ambiente, accompagneranno il pubblico del Festival.

Roseto di Roma, riapertura dal 21 Aprile. Ingresso gratuito. Info

Radio3 Scienza, da venerdì 12 a domenica 14, racconterà il Festival in diretta dal foyer. Inoltre, il Festival rientra nella programmazione delle attività promosse dal Comitato Nazionale per la celebrazione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci. 
L’iniziativa è parte del programma di EUREKA! Roma 2019 promosso da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale.
Maggiori info
(Visited 209 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago