Fashion&DesignRiciclo e Riuso

Natale, vestirsi in sughero per contrastare il consumismo spasmodico

Condividi

Esiste al mondo una pianta che da sempre è la soluzione per contrastare il consumismo spasmodico e le plastiche di qualsiasi tipo e provenienza: la pianta del sughero. 

Finalmente si parla di ambiente e di cambiamenti climatici. Oggi, qualsiasi evento, lo si riconduce all’ambiente, ma ci dimentichiamo che esiste al mondo una pianta che da sempre è la soluzione per contrastare il consumismo spasmodico e le plastiche di qualsiasi tipo e provenienza.

Il sughero. La parte preponderante della corteccia delle piante che in alcune di esse raggiunge notevole spessore, come nella quercia da sughero (Quercus suber) o «sughera».

Roma, Shopping Street, gli eventi di Natale in Via Fontana Candida

Si tratta di una pianta sempreverde, longeva, che cresce nelle regioni del Mediterraneo: in Italia (Sardegna, Sicilia e Toscana), in Portogallo, Spagna, Francia, Nordafrica (Marocco, Algeria, Tunisia). E con il sughero vengono realizzati articoli di ogni genere.

Il settore fashion e casa ne hanno fatto un autentico cavallo di battaglia, spaziando da scarpe, borse, cravatte, cappelli, eccetera. Il settore casa invece si è spinto oltre, realizzando delle vere e proprie opere d’arte, come vasche da bagno, sedute, tavoli, porta candele.

Natale, solo una persona su cinque indossa l’abbigliamento natalizio più di una volta

Insomma l’utilizzo del sughero è davvero infinito e non conosce frontiere. Un alleato prezioso anche per le imminenti festività natalizie.

Biocorkdesign.ch, un atelier di Paradiso specializzato in articoli in sughero, presenta tutta una serie di proposte sia per il Natale e soprattutto per il Capodanno, indossando ad esempio le ultime borse (in sughero), che per l’autunno presentano nuove colorazioni e design ammiccanti a prezzi molto vantaggiosi.

Pranzo di Natale, per quest’anno si punta al plastic free

Ricordiamo che gli articoli in sughero si possono trovare in esclusiva solo da biocorkdesign.ch

(Visited 8 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago