Good News

Regali green, idee per un Natale all’insegna della sostenibilità

Condividi

Cosa possiamo fare per l’ambiente a Natale? Regalare prodotti sostenibili, supportare le realtà locali e diffondere uno spirito natalizio più green tra amici e parenti. Ecco alcuni consigli per i vostri acquisti. 

Sostenibilità e rispetto per l’ambiente. Nella lista dei doni da mettere sotto l’albero questo Natale possiamo optare per idee regalo green, oggetti ecosostenibili e prodotti che possono ridurre il nostro impatto sul pianeta.

Ecco alcune proposte che abbiamo selezionato per voi.

Regala un albero con un click

Grazie alla campagna natalizia The Greatest Gift di Treedom, direttamente sulla piattaforma online, è possibile acquistare un cacao in Camerun, un albero di caffè in Guatemala, un baobab o un mango in Kenya. Con il tempo, la comunità locale che se ne prenderà cura avrà l’attenzione di monitorarne la crescita e inviare fotografie direttamente sull’account personale di Treedom. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Treedom (@treedom_trees)


E sempre in tema alberi, la startup Vaia ha creato un amplificatore per smartphone con il legno degli alberi sradicati dalla furia della tempesta Vaia del 2018, uno dei più grandi disastri ambientali degli ultimi 50 anni in tutta Europa. Un oggetto che racconta la storia della rinascita di un territorio. Per ogni Vaia Cube acquistata verrà piantato un albero.

Vaia, la startup che racconta la rinascita di un territorio

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TeleAmbiente (@teleambiente)

Oggetti ecosostenibili

Le cover dei nostri smartphone diventano un rifiuto piuttosto di diffuso. Ma non ci sono solo quelle realizzate in plastica. Pelacase produce cover con materiale di scarto della produzione di olio di semi di lino nella provincia canadese del Saskatchewan. Queste custodie possono essere facilmente smaltibili essendo realizzate in materiale composito. Per ogni modello acquistato l’1% sarà donato a un’associazione benefica.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TeleAmbiente (@teleambiente)

Se volete far iniziare il nuovo anno in maniera green, un’agenda settimanale o giornaliera in carta riciclata è l’ideale. Le agende di Alfabet Cartoleria Ecologica sono made in Italy, colorate e con disegni di balene, tartarughe e messaggi motivazionali per sensibilizzare al rispetto dell’ambiente che ci circonda.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TeleAmbiente (@teleambiente)


Un classico che diventa un regalo davvero green e originale: candele vegetali colate a mano, ecosostenibili, riciclabili, made in Italy e d’ispirazione slow living, come quelle realizzate da Lunaria Candles.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TeleAmbiente (@teleambiente)

Dare nuova vita a un prodotto invece di farlo diventare rifiuto. Questa l’idea della start up danese Sprout con la sua matita piantabile, disponibile anche in versione natalizia (potrai anche piantare un abete!).

Sprout, la storia della prima matita piantabile. Intervista esclusiva al CEO Michael Stausholm

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TeleAmbiente (@teleambiente)

Moda sostenibile e accessori

Ecco come scarti di mela e pelle di cactus si trasformano in accessori di alta moda e completamente sostenibili. Sono le borse vegan, cruelty free dell’azienda bergamasca Miomojo. Il  materiale AppleSkin è prodotto in Alto Adige mentre la pelle di cactus arriva dal Messico, dove aver preso contatto con i fondatori di Desserto, azienda che ha trovata come alternativa vegana per la pelle il cactus nopal. 

Miomojo, il made in Italy che fa bene all’ambiente: borse in pelle di cactus e scarti di mela

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TeleAmbiente (@teleambiente)

Le magliette Soulwaves racchiudono tutti i valori che consentono di definire un’azienda sostenibile: realizzate in cotone organico certificato, grafiche che mirano a sensibilizzare sulle tematiche ambientali e packaging in cartone riciclato.

Moda sostenibile, il progetto Soulwaves e i messaggi etici da indossare

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TeleAmbiente (@teleambiente)

Riutilizzare capsule di caffè per creare gioielli e bracciali. Ecco come dagli scarti possono nascere prodotti con una nuova vita, come quelli realizzati da Neena Design

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TeleAmbiente (@teleambiente)

Una cucina più sostenibile

Pellicola di plastica e carta stagnola per gli alimenti, quali alternative ci sono? Completamente naturale, composta da fibra di cotone e cera d’api, quasi una “seconda pelle”, riutilizzabile mille volte, è Apepak a pellicola che arriva dalla provincia di Treviso.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TeleAmbiente (@teleambiente)

Per ridurre il nostro impatto ambientale, piccole scelte nel quotidiano posso dare un grande contributo.
Esistono alternative ecologiche alle spugnette usa e getta che usiamo in cucina come quelle di Marley’s Monsters lavabili e riutilizzabili.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TeleAmbiente (@teleambiente)

Stoviglie per la pappa dei bambini in bambù, sostenibili, biodegradabili e con un design allegro per i più piccoli firmate Ecorascals.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TeleAmbiente (@teleambiente)

(Visited 99 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago