Attualità

Non è Natale senza Panettone, il 53% degli italiani non ci rinuncerebbe mai

Condividi

Natale. Più della metà degli italiani, il 53%, non rinuncerebbe mai al panettone a Natale.

A dirlo, una ricerca Bva Doxa, commissionata da Motta, sulle abitudini alimentari nelle regioni italiane durante le feste.

Secondo l’analisi di mercato, questo dolce tipico delle feste natalizie, è consumato dal 30% molto prima del 25 dicembre.

Pranzo di Natale, per quest’anno si punta al plastic free

Molti italiani infatti iniziano a consumare il panettone già dall’inizio di novembre, non appena compare sugli scaffali.

Il 42% invece, inizia a consumarlo qualche giorno prima della festività e solo il 19% riesce ad attendere fino alla Vigilia per il primo morso.

Insomma, non è Natale senza panettone.

La vera e propria star delle feste, a tal punto che l’8% degli intervistati, andrebbe a comprarlo immediatamente nei supermercati.

Natale, la missione di Guido l’aggiusta-giocattoli: “Un regalo per ogni bambino”

E il pandoro?

I due dolci trovano spazio su oltre il 75% delle tavole, con l’85% che consuma abitualmente durante le feste il pandoro, mentre il 79% non si fa mancare il panettone.

Se per molti il panettone è sempre stato considerato il dolce ideale per concludere il cenone, aumentano i consumatori che scelgono di mangiarlo anche in altri momenti della giornata: il 48%, ad esempio, lo inzuppa nel caffè e latte a colazione, mentre il 38% ne fa la merenda perfetta.

Natale, artista crea un albero fatto di taniche di benzina riciclate VIDEO

Sono registrati anche gli “irriducibili” del panettone: il 12% dichiara di consumarlo in sostituzione di un intero pasto.

Dal punto di vista dei gusti di consumo la versione con il cioccolato è scelta dal 48% degli intervistati seguita dal 45% che preferisce il panettone classico (uvetta e canditi).

In aumento infine il gradimento per le versioni senza canditi (38%) e per quello farcito con creme di diverso tipo (21%).

Il 6% lo gradisce in ogni sua variante.

(Visited 8 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago